CHIUDI
CHIUDI

19.09.2019

Travolto durante la Malegno - Borno Caos risarcimento

Il processo per l’incidente a che il 29 luglio del 2017 nel corso delle prove cronometrate del 47esimo Trofeo Vallecamonica (la corsa automobilistica Malegno-Borno) ha provocato la morte di un commissario di gara, Mauro Firmo, e il ferimento di un altro suo collega, il veronese Davide Foroni, è stato rinviato al prossimo 4 marzo. Tre le persone alla sbarra: il direttore di gara Francesco Tartamella, il responsabile dell’allestimento del percorso Francesco Bellingeri e l’ispettore di sicurezza Sergio Sensi. SE QUELLO penale slitta al 2020, si aprirà nei prossimi giorni il processo per la causa civile intentata da Davide Foroni all’Aci di Brescia per ottenere un risarcimento per i danni subiti in seguito all’incidente. «Abbiamo dovuto ricorrere alla giustizia civile perché Aci e l’Allianz (il gruppo con cui in occasione della gara del 2017 l’Automobile club aveva sottoscritto l’assicurazione a copertura degli eventuali danni) ha presentato una offerta di risarcimento da 3.347,09 euro a fronte dei 21.781,55 euro (oltre ai 3 mila euro di spese mediche ce ne sono altri 17.183 per il danno non patrimoniale e 732 per l’onorario del consulente di parte) di danni riportati da Foroni nell’incidente - spiega l’avvocato Giorgio Pesavento, il legale del commissario rimasto ferito - Aci e Allianz sostengono infatti che che ci sia un concorso di colpa da parte di Foroni che non avrebbe dovuto mettersi in quella curva se l’avessero ritenuta pericolosa». Per il legale si tratterebbe di una motivazione assurda. «Lì sono stati posizionati dagli stessi organizzatori - sostiene l’avvocato Pesavento - A dirlo è stato direttamente il direttore di gara subito dopo l’incidente. Per Aci e la compagnia assicurativa invece “la condotta imprudente, imperita e negligente dello stesso danneggiato si è posta, come causa dell’evento dannoso”. Sembra che per risparmiare qualche denaro si voglia scaricare la colpa su chi è vittima di quell’incidente: un pericoloso precedente». •

PA.CI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1