CHIUDI
CHIUDI

09.12.2019

Un abbraccio
con la maestra
dopo 60 anni

L’incontro di Braone tra l’ex maestra e i suoi scolari degli anni CinquantaLa classe originaria con i nomi dei bambini iscritti
L’incontro di Braone tra l’ex maestra e i suoi scolari degli anni CinquantaLa classe originaria con i nomi dei bambini iscritti

Non capita tutti i giorni di rivedere persone che hanno lasciato un’impronta nella propria vita, ma che inevitabilmente col passare degli anni si allontanano; se non nella memoria nello spazio. A Braone, poi, il ritorno sulla scena dopo 60 anni di una anziana e amatissima maestra ha avuto un significato davvero speciale. Un incontro emozionante che ha iniziato a prendere corpo quando Teresa Boris Morandini, ex maestra elementare, appunto, ha seguito un servizio del tg di Teleboario dedicato a Giacomo Cocchi, il pensionato del paese costretto sulla sedia a rotelle dal novembre dello scorso anno per effetto delle gravissime ferite causate dalla fucilata esplosa da un criminale ancora a piede libero. SEGUENDO il servizio in tv, l’ex insegnante si è ritrovata a esclamare «Quello è il mio Giacomino!». Da quel momento, attraverso una rete di conoscenze intermedie si è gradualmente creato un rapporto fra Maria, la sorella di Giacomo alla quale l’insegnante, che è di origine ligure e vive ancora in quella regione, ha inviato una lettera chiedendo un incontro. Una richiesta che poi si è estesa anche agli ex scolari che la signora Teresa aveva seguito proprio a Braone. Lei, una savonese, era arrivata in Valcamonica per la prima volta a 19 anni, all’inizio degli anni Cinquanta, dopo aver vinto il concorso con una coetanea, e rimase in servizio nel piccolo paese fino al 1961. Aveva da tempo i forte desiderio di rivedere dopo oltre 60 anni i suoi ex scolari, e l’occasione è maturata in occasione dell’ennesimo ritorno a Braone di Giacomo Cocchi (che ora vive a Corteno). Maria Gazzoli ha organizzato per l’ex insegnante una piccola festa di bentornato nell’aula consiliare del Comune, facendole appunto incontrare gli alunni superstiti delle sue classi elementari di allora. Oltre a Giacomo e alle sue figlie Deborah e Simona c’erano Delfino e Marina Facchini, Enrico Sansivieri, Rachele Cocchi, Luisa Gelmini, Valeria Lardelli, Cesare Bonfadini, Augusto e Primo Poli e Chiara Mattioli, e per finire anche monsignor Mario Rebuffoni. Proprio l’ex parroco (ed ex cappellano della guardia di finanza) affiancato dal parroco don Fabio Mottinelli ha benedetto l’anziana insegnante e Giacomo Gazzoli, prima che i ricordi diventassero un torrente nel cuore e nelle parole dell’84enne maestra e dei suoi scolari di un tempo. •

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1