CHIUDI
CHIUDI

19.11.2019

Vendite umanitarie I panettoni «alpini» aspettano i generosi

Lanciata nel 2016 a livello nazionale allungando la ricca serie di iniziative umanitarie delle penne nere, la campagna «Il panettone degli alpini» è stata fatta propria anche dalla sezione di Valcamonica dell’Ana; che adesso, quasi a ridosso delle festività natalizie, la rilancia. L’associazione camuna presieduta da Mario Sala ha voluto anzi fare le cose in grande, avviando per tempo sul territorio le vendite delle confezioni attraverso il coinvolgimento dei 67 gruppi della sezione che si rivolgono a privati cittadini e aziende. Solo per la Valcamonica son stati prenotati dagli alpini ben 4.500 panettoni. LO SCOPO dell’operazione? Per decisione della direzione nazionale dell’Ana, una parte del ricavato di ogni pezzo venduto (a 10 euro, ma ovviamente sono bene accette anche offerte superiori) sarà destinato alla storica scuola «Nikolajewka» di Brescia, che assiste le persone con disabilità e le famiglie, per gli interventi di ampliamento previsti sulla struttura inaugurata il 22 gennaio 1984 e successivamente già allargata, e realizzata per ricordare la drammatica battaglia combattuta sul fronte russo il 26 gennaio 1943. Il contenuto delle confezioni è interessante; ma anche l’involucro ha un valore e un significato; da collezionare. Per il Natale di quest’anno, sul contenitore viene ricordato il centenario di fondazione dell’Associazione nazionale alpini, e sono riprodotti il disegno originale, che si deve a Giuseppe Novello, disegnatore, pittore e umorista e ufficiale degli alpini, e il motto dell’adunata del centenario, «100 anni di coraggioso impegno». Sul coperchio della latta c’è il logo che rappresenta i cento anni di storia dell’Ana. E L’OBIETTIVO da raggiungere? Mario Sala ha fatto propria la dichiarazione del presidente nazionale Sebastiano Favero: «Vorremmo poter avere una enorme distribuzione dei nostri panettoni per poter regalare a ogni singolo acquirente un po’ dei nostri valori potendo realizzare opere importanti per la nostra società». •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1