CHIUDI
CHIUDI

09.07.2020 Tags: Darfo Boario Terme

Vicini terrorizzati Il bullo del palazzo finisce agli arresti

I carabinieri di Breno
I carabinieri di Breno

Per anni, almeno quattro secondo i carabinieri della compagnia di Breno che lo hanno arrestato, ha reso impossibile la vita alla vicina di casa 71enne e agli altri inquilini del complesso condominiale di Darfo Boario Terme in cui vive. Insulti e minacce contro tutto e tutti, bottiglie e rifiuti scaraventati nelle parti comuni del condominio, rumorose uscite notturne sul balcone di casa, dolci scagliati contro le vetrina di una attività commerciale aperta al pianterreno del complesso residenziale arrivando addirittura a fare pipì sugli inquilini che gli passavano sotto casa. QUESTO il campionario delle angherie che un 57enne vedovo e padre di un figlio ha rifilato ai suoi vicini, alcuni dei quali hanno dovuto fare ricorso a cure mediche (e psicologiche) per convivere con lo stress. Stalking il reato che lo ha fatto finire in manette nelle scorse ore. L'obiettivo preferito dell'uomo, già raggiunto in passato da due denunce per situazioni simili, era però l'anziana vicina di casa presa quasi quotidianamente a male parole e terrorizzata dal fatto che il 57enne potesse farle qualcosa. La 71enne per evitare di incontrarlo aveva mutato le proprie abitudini tanto da avere smesso di scendere negli spazi comuni. L'incubo è finito, si spera definitivamente, nelle scorse ore. Quelle che inizialmente erano considerate delle normali liti di condominio si sono rivelate invece comportamenti persecutori e ciò ha spinto il gip del tribunale di Brescia, su richiesta della procura che ha coordinato il lavoro dei militari della stazione di Darfo Boario Terme, a emettere nei confronti del 57enne una ordinanza di custodia cautelare e l'uomo è stato quindi arrestato per stalking. Il vicino fastidioso e violento nei modi ora si trova ai domiciliari, e non avendo altro posto dove andare si trova relegato nella propria abitazione di Darfo. Domiciliari ristrettissimi, sottolineano gli inquirenti, tanto che il pensionato non avrebbe nemmeno la possibilità di uscire sul balcone per una boccata d'aria. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1