CHIUDI
CHIUDI

11.06.2019

Le fogne del Garda smaltite a Gavardo? Altri no al progetto

Fuoco incrociato sul Broletto per il nuovo depuratore del Garda: l’ente è di nuovo nel mirino degli ambientalisti per effetto delle recenti dichiarazioni (pubblicate da Bresciaoggi) del presidente Samuele Alghisi, che ha confermato la localizzazione a Gavardo dell’impianto «nord» (al servizio dei Comuni dell’alto lago fino a Salò e San Felice) mentre ha rimandato la decisione definitiva sull’impianto «sud» da fare a Montichiari. E DOPO il comitato Acqua pubblica e il comitato degli ammalati di legionella è la volta di altri ambientalisti. Il circolo di Legambiente Brescia Est in una nota cerca di smontare il progetto: «La localizzazione del depuratore deve scaturire da un’attenta analisi dei gravi problemi ambientali che insistono su entrambi i bacini - si legge -. La soluzione proposta non ha ragione di esistere: pensare una rete di collettamento che dal lago porti i reflui sul Chiese è una follia, scollinando oltre 200 metri in altezza, devastando il paesaggio e gli ecosistemi. Non esiste poi nessuna norma che vieta di scaricare le acque reflue, adeguatamente trattate, nel lago». Torna alla carica anche Gaia, il comitato ambientalista di Gavardo che su Facebook lancia pure un sondaggio e chiede agli utenti dove dovrà essere organizzata la prossima manifestazione di protesta, se sul Chiese o a Manerbio, il Comune di cui Alghisi è sindaco. «Il presidente Alghisi si dimostra solo il presidente della Provincia del Garda - attaccano da Gaia -. Abbiamo dimostrato volontà di confronto, soluzioni alternative e di minor impatto ambientale, ma siamo stati ancora una volta presi a pesci in faccia. Noi non abbiamo mai voluto lo scontro, ma ora non ci resta altro». Critico anche il consigliere regionale leghista Floriano Massardi: «Il presidente Alghisi non si è mai attivato per organizzare il tavolo tecnico che era stato concordato - scrive il consigliere di Vallio -, e cerca di scaricare responsabilità inesistenti verso la Regione. Un atteggiamento scorretto, che alimenta il sospetto di una gestione poco chiara della cosa». •

AL.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1