CHIUDI
CHIUDI

18.06.2019

Palafitte bresciane Un tuffo nel passato al Museo di Gavardo

Tecnici e ritrovamenti archeologici del Lucone
Tecnici e ritrovamenti archeologici del Lucone

C’è un confronto sui ritrovamenti nell’antico sito palafitticolo del Lucone (Polpenazze) nel cartellone odierno del Museo archeologico di Gavardo. Al centro dell’attenzione i possibili legami tra lo scheletro senza cranio di un bambino preistorico di 3 anni vissuto 4 millenni fa e il cranio di un altro bimbo riemerso in altri tempi dallo stesso sito. Per ora l’importante ritrovamento è un mistero irrisolto, ma le nuove ricerche (qui si lavora dal 2007) gestite sempre dal Museo archeologico della Valsabbia sembrano ora fornire qualche risposta. Se ne parlerà nella conferenza che inizierà alle 20.30 con al tavolo dei relatori l’archeologo Marco Baioni, direttore dello scavo e del museo, e Alessandro Canci della Scuola di specializzazione interateneo in Beni archeologici di Aquileia. Forse i due ritrovamenti si completano, e il cranio dimostra forse un rito di riconsacrazione del villaggio dopo un disastro,, mentre il resto del corpo del piccolo è stato buttato nel lago. •

M.PAS.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1