CHIUDI
CHIUDI

04.09.2019

Ricorso o «trasloco» Due strade aperte per la cava del Tesio

Meno di una settimana per fare ricorso al Tar contro la cava sul monte Tesio: i termini scadono lunedì. Ma il Comune lavora a una soluzione alternativa, già parzialmente discussa con la Provincia e anche con la Fassa, l’azienda che gestirà l’estrazione di un milione e mezzo di metri cubi di materiale. Una soluzione che prevede di trasferire le volumetrie dal Tesio al monte Budellone, dove l’attività estrattiva è già in corso. Di questo si è discusso lunedì sera a Gavardo, nell’assemblea convocata dal Comitato per la salvaguardia del Tesio che da sempre si oppone alla riapertura della cava di Strubiana, mentre oggi è programmato un incontro in municipio tra gli attivisti, il sindaco Davide Comaglio e l’avvocato del Comune. Si valuterà in ultima istanza la remota possibilità di un ricorso istituzionale. «Anche se noi stiamo lavorando a un percorso alternativo che possa risolvere il problema all’origine - spiega Comaglio - e quindi trasferire l’attività sul Budellone. La cosa è fattibile, perché l’azienda non ci ha detto di no: li abbiamo incontrati la settimana scorsa in Provincia e li incontreremo di nuovo. Attendiamo una loro comunicazione ufficiale sperando che possano condividere la nostra proposta». IL COMITATO invece rimane fermo sull’ipotesi ricorso: se non sarà al Tar, almeno al presidente della Repubblica (c’è un altro mese di tempo). «L’ipotesi del trasferimento sembra buona - commenta la portavoce Erica Pollini - ma il percorso è difficile e non sappiamo se andrà a buon fine. Per questo ribadiamo che non si può pensare di rinunciare all’unica tutela legale, il ricorso. Riconosciamo l’impegno del Comune sullo spostamento delle volumetrie, ma è il ricorso la strada da percorrere». Da parte dell’ente locale: «Noi non abbiamo la forza economica per farlo», conclude Pollini. La storia della cava del Tesio è iniziata nell’agosto del 2016, quando la giunta di allora aveva approvato la convenzione che ha avviato la procedura per l’autorizzazione provinciale, arrivata il 24 maggio scorso. •

AL.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1