La pista del monte Stino Il paradiso dei fondisti è un piacere per pochi

La bellissima pista per il fondo del monte Stino, a CapovalleIl gatto delle nevi dello Sporting Audax club all’opera
La bellissima pista per il fondo del monte Stino, a CapovalleIl gatto delle nevi dello Sporting Audax club all’opera

È un vero peccato che siano in pochi, in questo anno straordinario per la neve, ad approfittare della natura e del grande lavoro dei volontari dello «Sporting Audax club» di Capovalle. Questi ultimi battono il bellissimo anello per lo sci di fondo del monte Stino come se fosse un tavolo da biliardo, e le basse temperature danno una mano. PARLIAMO di uno spettacolare tracciato di 5 chilometri, un vero paradiso per gli appassionati di questa disciplina, ma anche per chi semplicemente decide di fare un’escursione sullo Stino. E a proposito di escursionisti, i gestori dell’anello li pregano di non camminare sulla neve battuta per gli sciatori per non rovinare così il loro lavoro. Quelli dell’Audax, una società nata nel 1974, non si sono dati per vinti neanche in questa fase di incertezza: hanno continuano a utilizzare il gatto delle nevi ogni venerdì e sabato notte nella speranza di momenti migliori. Con tutta la neve caduta non potevano rinunciare al piacere di regalare un sogno ai fondisti. L’acceso al tracciato è gratuito, e in tempi normali si può anche affittare l’attrezzatura; non adesso, però, per colpa della pandemia. Anche la strada fra Capovalle e lo Stino, circa 7 chilometri, ripulita in tempi brevi è agevolmente percorribile. Per saperne di più c’è la pagina Facebook sempre aggiornata della società.

M.ROV.