Pensiero positivo, si guarda già alle Decennali

Una bella immagine invernale di Sabbio Chiese
Una bella immagine invernale di Sabbio Chiese

Il 2021 è iniziato come era finito il 2020, col virus a rendere difficile la vita di tutti. Bisogna provare a guardare oltre, e a Sabbio Chiese lo fanno immaginando il settembre del 2022, quando torneranno in scena le «Decennali della Madonna della Rocca», un appuntamento molto importante per l’intera comunità, che si stringerà ancora una volta attorno al proprio santuario mariano che domina il paese dall’alto e che del paese stesso è il simbolo. LA TRADIZIONE di questa celebrazione mariana ha una storia secolare, e la prima manifestazione di cui si ha un resoconto scritto è del 1782. Ma è sicuramente più antica. Non la si può dimenticare, e già prima della fine del 2020 è stata creata la «Commissione Decennali», che si occuperà di gestire le iniziative in divenire. «Per esempio il concorso lanciato per la realizzazione di un logo della manifestazione - spiega Claudio Ferremi, l’assessore alla Cultura che presiede la Commissione, composta da tutte le realtà religiose, amministrative e sociali del paese -. È aperto a tutti e non prevede premi, e si chiuderà il prossimo 31 gennaio». Ma c’è anche la Schola Cantorum, la scuola di canto parrocchiale a proporre un secondo concorso, per la selezione dei testi che daranno vita all’inno delle Feste decennali 2022: «Tutti quanti, bambini, ragazzi e adulti di Sabbio, sono invitati a partecipare scrivendo un loro componimento», invitano dalla parrocchia. I TESTI proposti per la nuova «canzone» mariana, da consegnare entro il 28 febbraio, dovranno avere come tema la Madonna della Rocca sabbiense, e potranno essere composti in forma libera o attraverso strofe. «Per la fine di febbraio - spiegano alla Schola Cantorum - i testi vanno depositati nella cassetta all’ingresso della parrocchiale di San Michele Arcangelo». Poi la scuola sceglierà lo scritto più adatto a questo progetto molto speciale, che se necessario potrà anche essere in parte modificato per la sua armonizzazione, e lo affiderà a un musicista per la stesura definitiva. Fatta la scelta definitiva, l’inno delle Decennali 2022 verrà stampato riportando ovviamente il nome del paroliere e del musicista che lo avrà trasferito sul pentagramma proposto dalla struttura parrocchiale, e infine insegnato se possibile a tutti i sabbiensi che vorranno essere in prima fila nell’evento. •

Massimo Pasinetti