CHIUDI
CHIUDI

15.10.2020

Pensionato scomparso, nessuno si arrende

Ieri è stata un’altra intensa giornata di ricerche del pensionato I Vigili del fuoco impegnati nella perlustrazione del sottobosco
Ieri è stata un’altra intensa giornata di ricerche del pensionato I Vigili del fuoco impegnati nella perlustrazione del sottobosco

Nessuno a Villanuova vuole arrendersi all’epilogo drammatico che con il passare dei giorni sta prendendo forma. Per questo proseguiranno almeno fino a domenica le ricerche di Luigi Pilenghi, l’88enne scomparso da sabato pomeriggio. La conferma è arrivata dal figlio Claudio, che riferisce anche dell’ultimo avvistamento – intorno alle 15.30 sul Monte Covolo, a poche centinaia di metri dalla sua abitazione di via Legnago. Claudio a nome della famiglia «ringrazia tutti gli operatori e i volontari impegnati nelle ricerche e le persone che stanno condividendo con noi l’angoscia di questo momento: sulla pagina Facebook abbiamo ricevuto 5 mila post di incoraggiamento: siamo grati e commossi». DAL CAMPO BASE di via Silvio Pellico, allestito alla palestra comunale, a tutte le ore partono squadre di Vigili del fuoco, Soccorso alpino e Protezione civile, con il supporto di carabinieri e polizia locale: dopo aver esplorato le zone più impervie, lunedì, ci si è dedicati all’unico corso d’acqua che scorre lungo il monte. Al setaccio anche il bosco di profondità, lontano dai sentieri, mentre ieri l’area delle ricerche è stata allargata a raggiera. In cielo hanno volato di nuovo anche i droni. Stamattina saranno schierati 60 operatori, ma come spiega il sindaco Michele Zanardi che segue passo dopo passo la mobilitazione, «dovremo valutare le condizioni meteo per decidere dove schierare le squadre». L’annunciata ondata di maltempo potrebbe imporre un rallentamento alle operazioni di ricerca. Luigi Pilenghi, detto Gino, era uscito di casa per fare la sua consueta passeggiata. Ma purtroppo non è più rientrato. Con sé aveva anche il cellulare, che però ovviamente è già spento e non ha lasciato nessun segnale Gps (si tratterebbe infatti di un vecchio modello). Chiunque abbia visto qualcosa può contattare i numeri di emergenza, oppure direttamente i familiari al numero 334 2136352. «Purtroppo le ricerche non hanno ancora prodotto il risultato sperato – spiegano i vertici del gruppo di Protezione civile di Roè Volciano e Villanuova –. Le forze in campo hanno proceduto nelle perlustrazioni del territorio, senza tralasciare pareti rocciose, cavità e torrenti». •

Alessandro Gatta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1