CHIUDI
CHIUDI

11.10.2019

Tempesta Vaia,
Bagolino ritrova
la strada

Da domani la transenna che vieta il transito verrà  rimossa Per effettuare i lavori è stato utilizzato anche l’elicottero
Da domani la transenna che vieta il transito verrà rimossa Per effettuare i lavori è stato utilizzato anche l’elicottero

È servito un anno ma finalmente l’attesa è finita: domani sul territorio di Bagolino verrà riaperto il tratto di strada che da Ponte Prada porta direttamente al paese. Il 28 ottobre saranno trascorsi 12 mesi dalla notte terribile segnata da quella tempesta Vaia che anche qui, a colpi di vento fortissimo e pioggia violenta, aveva sradicato migliaia di alberi, causato smottamenti e piegato tralicci provocando danni che, secondo una stima degli amministratori locali, toccherebbero i 14 milioni. I lavori più importanti erano stati divisi in 4 lotti: tutti interventi boschivi e di ripristino della sicurezza idrogeologica per un totale di quasi due milioni finanziati dalla Regione. Il primo lotto è stato consegnato alcune settimane fa, ora tocca al secondo, il più nevralgico, quello che costringeva i residenti a un tortuoso giro per arrivare in centro: domani riapriranno infatti i 2 chilometri di strada fra Ponte Prada e l’accesso al paese. «Abbiamo fatto l’impossibile - ricorda il sindaco Gianzeno Marca - per arrivare ad aprire in occasione della Festa della transumanza che si terrà in questo fine settimana. Su un breve tratto per una ventina di giorni funzionerà ancora un semaforo, ma almeno la strada è percorribile e si vede la luce in fondo al tunnel. Gli appalti, il reperimento di ditte specializzate e anche i lavori: è stato tutto particolarmente difficoltoso per la conformazione stessa del territorio, e siamo orgogliosi di essere a un buon punto, anche se ovviamente c’è ancora molto da fare». A BREVE sarà concluso anche il terzo lotto, che interessa la strada fra Bagolino e Riccomassimo. Ed entro un mese saranno finiti anche i lavori nella parte a Nordovest del paese, vicino alle scuole e alla casa di riposo, dove sta lavorando un’impresa di Como. Sarà insomma un doppia festa a caratterizzare il fine settimana: l’omaggio alla transumanza e il ritorno della percorribilità sulla vecchia strada di ingresso alla cittadina la cui chiusura ha danneggiato anche l’economia locale, perché i turisti di passaggio si vedevano costretti a bypassare il centro. •

Mila Rovatti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1