Turismo, la Comunità montana va al rilancio

La Comunità montanaIl Carnevale di Livemmo, uno degli spettacoli della Valsabbia
La Comunità montanaIl Carnevale di Livemmo, uno degli spettacoli della Valsabbia

L’indirizzo è chiaro da anni ormai: in Valsabbia si sta investendo e si investe anche sul turismo. E dopo aver realizzato infrastrutture e valorizzato siti, la Comunità montana ha deciso di investire anche in risorse umane con un bando per l’assunzione di un «coordinatore del turismo», che si occuperà di gestire i progetti di crescita di questo settore. Nonostante si stia vivendo in un periodo storico a dir poco difficile, da queste parti non aspettano che il virus venga messo in condizioni di non nuocere e la smetta di frenare lo sviluppo dell’accoglienza. AL CONTRARIO hanno creato una nuova opportunità di lavoro in questo settore. L’iniziativa è appunto della Comunità montana insieme Vallesabbia Solidale, il proprio braccio operativo. «Abbiamo indetto una selezione pubblica per la composizione di una graduatoria da cui selezionare e poi assumere il nuovo coordinatore del turismo valsabbino. Una volta scelto da una commissione dovrà poi occuparsi di valorizzare il patrimonio naturalistico e quello storico instaurando una collaborazione con tutti i soggetti istituzionali, dall’Agenzia territoriale alla Comunità montana (e società collegate) e dal Gal Garda Vallesabbia alla Regione - spiegano a Nozza -; senza dimenticare a Comuni, associazioni, operatori economici e rappresentanti di categoria, istituti scolastici e per la formazione, e giornalisti». La persona scelta dovrà anche valutare e possibilmente intercettare tutti i possibili finanziamenti derivanti da bandi pubblici, gestire azioni di crowdfunding, pianificare e condurre campagne di comunicazione su media tradizionali e digitali e presidiare tutti gli uffici territoriali deputati all’accoglienza di turisti e visitatori. Il contratto prevede un incarico a tempo pieno e determinato per la durata di 12 mesi, e le domande di partecipazione vanno inviate entro le 12 di martedì 26 gennaio. Per saperne di più sull’occasione basta consultare il sito www.vallesabbiasolidale.it. •

M.PAS.