CHIUDI
CHIUDI

12.07.2020

Bambini e adolescenti L’estate si è riempita di proposte in sicurezza

La casa delle Poverelle ospita una delle proposte di questa estate
La casa delle Poverelle ospita una delle proposte di questa estate

Da qualche giorno anche l’estate dei bambini e dei ragazzi di Villa Carcina è entrata nel vivo con un’offerta ampia e diversificata. «Finalmente anche i più piccoli recuperano, dopo mesi di chiusura delle attività scolastiche, la loro socialità - commenta l’assessore ai Servizi sociali Stefano Mini -. Non era scontato, e in pochi avrebbero scommesso sulla ripartenza delle attività estive dopo l’emergenza sanitaria. Il percorso è stato lungo e difficile. Solo il 18 maggio sono state pubblicate le linee guida ministeriali, poi sono arrivate le disposizioni regionali e dell’Ats, con variazioni fino alle prime settimane di giugno. Per questo motivo abbiamo dovuto ritardare l’avvio delle attività su luglio». L’offerta è davvero articolata: in luglio e nelle prime due settimane di settembre tiene banco l’estate negli oratori, con «Summer life» per utenti da 6 a 15 anni e con «Free time» per preadolescenti e adolescenti; entrambe iniziative dell’Unità pastorale. C’è poi per tutto luglio il «Summer camp» dei Centurioni Rugby: quattro settimane di sport e divertimento. A Cailina, nella casa delle suore Poverelle, l’associazione montessoriana LiberaMente offre l’«Estate a mente libera» per bambini dai 5 agli 11 anni. INFINE, per tutto luglio e fino al 31 agosto ci saranno le attività di «StradaMente Estate» organizzate dalla coop La Vela prevalentemente all’aperto, in collaborazione con i Servizi sociali del Comune. Era stata ipotizzata anche una proposta per la fascia 0-6 anni, ma le iscrizioni sono state limitate, quindi, non è stato possibile far partire l’offerta già ipotizzata dal nido comunale di Carcina. «Il Comune è intervenuto anche economicamente mettendo a bilancio complessivamente 41mila euro - aggiunge Mino -. Sono state utilizzate risorse straordinarie per i progetti dei gestori gravati dalle spese per le sanificazioni giornaliere, per la cartellonistica e per il personale educativo aggiuntivo: ora gli organizzatori potranno richiedere un contributo a parziale sostegno degli oneri sostenuti. Una scelta che ha reso sostenibili le attività estive e garantito tariffe accessibili alle famiglie».

M.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1