Dieci interventi in pista per 17 milioni da investire

Un altro scorcio estivo dell’area del Maniva
Un altro scorcio estivo dell’area del Maniva
Un altro scorcio estivo dell’area del Maniva
Un altro scorcio estivo dell’area del Maniva

I nuovi impianti per la stazione tra Valtrompia e Valsabbia? La Regione ha dato il via a uno stanziamento di 12,5 milioni (su un progetto complessivo che ne vale 17) per dieci interventi infrastrutturali. Un’operazione pensata anche in vista delle Olimpiadi invernali del 2026, quando i piccoli comprensori potranno ospitare le squadre giovanili per gli allenamenti ed essere di supporto alle grandi stazioni. Il Patto territoriale sottoscritto dalle Comunità montane della Valtrompia (capofila) e della Valsabbia, e dai Comuni di Bagolino e di Collio, coinvolge chiaramente anche la società Maniva ski, che gestisce il comprensorio tra le due valli. Tra gli interventi che verranno realizzati entro il 2024 c’è la sostituzione delle vecchie seggiovie biposto (risalgono agli anni ’70) Zocchi e Barard, di proprietà della Comunità montana ma in gestione a Maniva ski. Poi il completamento dell’impianto polifunzionale antincendio e neve in località Dasdana, la messa in sicurezza della viabilità che collega Anfo al Baremone (realizzando piazzole, paravalanghe e ripristinando murature di sostegno) e la realizzazione di un parcheggio multipiano al servizio di Bagolino. In Valsabbia è previsto il potenziamento dell’attrattività turistica di Rocca d’Anfo e lago d’Idro, e a Collio il collegamento ciclopedonale con Memmo. L’ammodernamento delle strutture sciistiche del Maniva, la realizzazione di nuovi sistemi di innevamento e il miglioramento dell’accessibilità stradale aumenteranno l’attrattività di questa parte poco conosciuta delle Prealpi bresciane. Questo non solo pensando agli amanti delle discipline invernali. Infine, il finanziamento permetterà di potenziare anche la connettività internet in vista dell’aumento del flusso di potenziali utenti e quindi di utilizzatori della rete. M.Ben.