CHIUDI
CHIUDI

14.07.2019

Duferco, il caso è aperto insieme alle polemiche

È sempre il caso Duferco a offrire alla minoranza di «Nave ripartiamo insieme» l’occasione per un attacco all’amministrazione guidata da Tiziano Bertoli. La conferenza di servizi di Roma sulla centrale ha appena deliberato favorevolmente in merito al rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), e dopo questa decisione l’opposizione ha fatto un’analisi tecnico-politica sulla gestione del problema. «Non possiamo ignorare il parere istruttorio conclusivo redatto e sottoscritto dal gruppo di cui fa parte anche il sindaco di Nave, e che aveva già dato esito positivo il 24 maggio - ricorda Marco Bassolini -. È stata poi concessa anche l’autorizzazione paesaggistica in seguito al parere favorevole della commissione del Comune e non c’è stata nessuna osservazione sulla procedura Aia. Vista la mancata partecipazione della Provincia alla conferenza di servizi a Roma ci si poteva aspettare un esito diverso?». Sempre la minoranza ribadisce di non condividere la gestione dell’affaire Duferco, ma l’assessore Carlo Ramazzini replica ricordando che i pareri di cui parla Bassolini sono solo tecnici, e quindi non permettono all’amministrazione di intervenire in alcun modo. «L’Autorizzazione integrata ambientale ha invece recepito alcune delle osservazioni presentate dal Comune» precisa l’assessore. «Questo modo di gestire il bene comune in maniera politica e personalistica è anacronistico e poco risolutivo - rilancia Bassolini -. I problemi di un paese non sono di una sola parte politica e quando investono aspetti importanti come in questo caso vanno condivisi con tutte le forze e con i cittadini». La minoranza segnala anche di non aver mai ricevuto chiare informazioni in merito al piano di rilancio dell’ex Stefana: «Siamo stati informati a decisioni già avvenute - conclude Bassolini - e a volte abbiamo appreso le notizie dalla stampa o dai social. Tutto ciò è poco rispettoso da parte del sindaco che ormai appare sempre più in confusione nella gestione della vicenda». •

M.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1