CHIUDI
CHIUDI

16.03.2019

Apre il primo sportello per i minori con fragilità

La scuola Andersen di Gardone
La scuola Andersen di Gardone

Sarà inaugurato sabato 23 marzo il primo sportello aperto in Valtrompia per i servizi rivolti ai minori con disabilità e disturbi dello spettro autistico. Si chiama «Connessioni: polo delle abilità personali e delle comunicazioni» ed è nato da una partnership tra la cooperativa Cvl di Lumezzane, la scuola elementare Andersen e gli assessorati ai servizi sociali e alla pubblica istruzione del Comune di Gardone. L’INIZIATIVA. «Sarà un punto di riferimento per studenti, famiglie e docenti - anticipa l’assessore all’istruzione Emilia Giacomelli - Un polo di riferimento per situazioni che vediamo in aumento». Parlando sempre di Cvl, prosegue alla grande il progetto «Spazio e forma», lanciato lo scorso anno dalla cooperativa di Lumezzane con l’obiettivo di offrire ai ragazzi disabili la possibilità di entrare nel mondo dello sport e nelle associazioni sportive. L’iniziativa, che coinvolge quasi una ventina di bambini autistici e con disabilità cognitive di Lumezzane, Sarezzo e Gardone, è stato finanziato da Regione Lombardia e da Fondazione Cariplo e vuole trasformare lo sport in una vera scuola di vita, non solo per i protagonisti ma anche per i liceali della Valle coinvolti nel progetto tramite l’alternanza scuola-lavoro. Impegno su più fronti e tanti progetti avviati o da avviare, insomma. Ma le iniziative della cooperativa hanno sempre bisogno di sostegno, anche economico. E proprio per questa finalità stasera alle 21, sul palco del Teatro San Faustino di Sarezzo, andrà in scena uno spettacolo benefico per sostenere il progetto «Supporto e Svago», proposto dalla Cvl per rispondere a un doppio bisogno: da un lato quello di offrire alle famiglie con persone disabili momenti di «sollievo» dalla quotidianità, per recuperare energie preziose da destinare alla cura del proprio caro, e dall’altro quello di dare la possibilità alle persone con disabilità di sperimentare situazioni nuove di vacanza e di svago. Lo spettacolo, inserito nel palinsesto de «Il resto è fiera», si intitola «Somebody to Rock», un musical ambientato nel futuro in un luogo una volta chiamato Terra. Ingresso 8 euro. © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1