venerdì, 17 gennaio 2020
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

12.01.2020

Vigili del fuoco, i militi pensano in grande

La sede dei vigili del fuoco volontari di Lumezzane
La sede dei vigili del fuoco volontari di Lumezzane

I numeri sottolineano chiaramente l’importanza di questo presidio per la sicurezza dei cittadini e dell’ambiente. Gli spazi, invece, costringono a sacrificare proprio questo servizio. Ma questo potrebbe l’anno della svolta, nel senso dell’ampliamento, per la sede dei vigili del fuoco volontari di Lumezzane. Volontari da tempo a disposizione del territorio, non solo quello comunale, che però, appunto, hanno bisogno di un aggiornamento delle attrezzature, del parco mezzi e di adeguarsi alle nuove emergenze. I vigili del fuoco della Valgobbia sono stati impegnati in 220 interventi di soccorso nell’anno appena trascorso; anche, dicevamo, al di fuori del territorio comunale. E con l’inizio del nuovo anno, in via Moretto (dove si trova la sede) si stanno delineando nuovi obiettivi. Quelli appena iniziati non saranno 12 mesi qualsiasi per il gruppo guidato da Dario Lentini e appoggiato dall’associazione «Sostenitori dei vigili del fuoco» presieduta da Mauro Bossini. Il distaccamento che oggi conta 36 membri, infatti, spegne proprio nel 2020 venti candeline; celebra i primi vent’anni dall’apertura del distaccamento degli operatori antincendio da parte del ministero dell’Interno sotto l’ala del comando provinciale. Da dieci anni, dal 2010, il gruppo ha trovato casa in un edificio concesso gratuitamente dal Comune e dal quale partono tutte le operazioni di soccorso. Con il trascorrere del tempo però, il parco mezzi si è ampliato e le attrezzature anche, a partire dal nuovo camion principale da 15 tonnellate inaugurato nel 2018 in sostituzione di quello diventato obsoleto, e da nuovi strumenti ottenuti grazie a un bando regionale. INTANTO, nelle scorse settimane si è ampliato sensibilmente anche l’organico dei militi, con l’inserimento di sei nuove reclute che hanno superato un corso per diventare vigili del fuoco. Dopo l’allargamento delle risorse umane, il nuovo obiettivo è quello di far crescere anche il quartier generale. Nei giorni scorsi il distaccamento ha incassato dall’amministrazione comunale, che come detto è proprietaria dello stabile, il via libera per partecipare a un un nuovo bando regionale (che scade il 15 gennaio): questa volta l’opportunità è concorrere alla distribuzione di fino a un milione di euro alle onlus dei vigili del fuoco che hanno bisogno di migliorare le proprie strutture. L’associazione valgobbina vorrebbe appunto intervenire con un importante restyling della propria sede, innanzitutto costruendo una nuova autorimessa in grado di ospitare anche un mezzo per gli interventi in quota, ma anche realizzando quattro nuove stanze da usare come magazzino per le attrezzature, migliorando la pavimentazione, cambiando la disposizione dei locali e rimettere mano agli impianti elettrici e idraulici. IL BANDO regionale consente di sostenere progetti fino a un massimo di 25 mila euro con contributi a fondo perduto: questa è la fase dell’esame delle richieste ricevute, mentre i risultati saranno resi noti entro febbraio. Le risorse saranno poi liquidate ai beneficiari nei mesi successivi. Intanto i vigili del fuoco lumezzanesi si portano avanti continuando ad allestire iniziative per finanziare le proprie attività. Sabato prossimo, 18 gennaio, alle 21, nel teatro Odeon andrà in scena una serata benefica di cabaret con Marco Della Noce e Riky Bokor da «Zelig», e con Sergio Sironi da Radio Numbero One. L’ingresso costa 10 euro (i biglietti sono anche in prevendita nel negozio Ns Informatica di via Moretto, e chiamando il 328 3061121) e tutto il ricavato sarà devoluto all’associazione. Più avanti, il consueto appuntamento annuale sarà con la festa prevista dal 17 al 19 aprile nell’oratorio di Piatucco. •

Fabio Zizzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1