CHIUDI
CHIUDI

14.01.2021

Una corona di fiori deposta vicino al cippo di Verginella

Il cippo di Lumezzane a ricordo del sacrificio di Verginella
Il cippo di Lumezzane a ricordo del sacrificio di Verginella

Il 10 gennaio 1945, 76 anni fa, il partigiano triestino nato a Santa Croce Giuseppe Verginella, a capo della 122° brigata Garibaldi che operò soprattutto in Valtrompia, venne ucciso a Lumezzane da militi fascisti. Quell’assassinio è ricordato ormai da diversi anni in Valgobbia dove, all’altezza dell’incrocio tra via Mazzini e via Tartaglia otto anni fa è stato posto un cippo per commemorare la figura del patriota. Il ricordo del partigiano europeo conosciuto con il nome di battaglia di «Alberto», ucciso a 37 anni e destinatario pochi giorni dopo di una medaglia d’argento al valore militare della Resistenza, si è celebrato domenica mattina, seppure in forma ristretta a causa della pandemia. Al monumento dedicato a Verginella il presidente della sezione Anpi locale Gianpietro Patelli e il sindaco di Lumezzane Josehf Facchini hanno deposto una corona di fiori per poi dedicare qualche momento di riflessione a quel drammatico periodo storico quando mancavano pochi mesi alla conclusione, con la Liberazione, della seconda guerra mondiale in Italia. •

F.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1