CHIUDI
CHIUDI

25.09.2020

ValVolley, l’unione fa la forza

La neonata società ha definito gli assetti organizzativi
La neonata società ha definito gli assetti organizzativi

L’unione fa la forza: lo hanno capito bene le squadre di pallavolo di Lumezzane, Gardone e Villa Carcina che da quest’anno si sono unite fondando la società ValVolley. Già nella precedente stagione tre formazioni miste di atlete delle tre società erano scese in campo indossando i colori del ValVolley nella 1° divisione, U18 e U16 eccellenza, raggiungendo ottimi risultati. Durante il lockdown le squadre hanno lavorato per dare vita alla neonata società, che quest’anno si prepara a scendere in campo in tutte le categorie, dalla S3 fino alla serie C. In attesa delle prossime elezioni del consiglio direttivo del ValVolley, i dirigenti della Gardonese, del Lumezzane e del Villa Carcina stanno apportando il proprio importante bagaglio di esperienza nell’organizzazione della nuova struttura associativa. LO STAFF tecnico? Il direttore sportivo Stefano Vivaldi è affiancato dal direttore tecnico Francesca Cò. La preparazione atletica è affidata ad Adrian Manea. Confermati gli allenatori: Marco Rago e Federico Ferretti (serie C), Enrico Duina (1°div), Giovanni Poli (1°div, U15), Claudia Multari (U19, U12, Mini), Nikolle Cavalli (U19), Daniela Botti (U17), Alessandro Curci (U17), Nives Mitelli (2°Div, U14, U12), Francesca Zobbio (U12, Mini). Al debutto nella stagione 20-21 ci sarà Francesca Ghetti (U13). ValVolley si presenta già come un punto di riferimento per la pallavolo locale, i dirigenti non nascondono l’aspettativa di raggiungere ottimi risultati nel prossimo campionato. L’unione delle società si trasformerà in maggiori opportunità per le atlete, il ValVolley entra in campo con maggior competitività rispetto al passato e con la prima squadra totalmente raccolta dal vivaio interno. •

M.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1