la protesta/2

Dirigenti in pensione forzata: va in scena il flash mob di protesta

di Massimiliano Magli
Iniziativa spontanea nata da studenti, genitori e amministratori
La protesta davanti alla scuola
La protesta davanti alla scuola
La protesta civile dei genitori, studenti e amministratori locali

Un flash mob che ha coinvolto amministratori comunali, insegnanti e genitori si è svolto nel pomeriggio di giovedì 16 novembre, a fine scuola, all'istituto comprensivo di Rudiano. Un'iniziativa per protestare contro il decreto di pensionamento della dirigente Elena Letizia Sibilia ad anno scolastico ormai abbondantemente iniziato.

Fulmine  a ciel sereno

Nulla faceva sospettare una scelta tanto traumatica per gli studenti oltre che, sul livello personale, per la dirigente, con 36 anni di carriera alle spalle. Sotto la sua guida sono le scuole di Rudiano, Urago d'Oglio, Roccafranca e da settembre anche l'istituto comprensivo di Pontoglio. Per questo anche il sindaco Alessandro Pozzi si è aggiunto alla voce dei colleghi di Rudiano (Alfredo Bonetti, con la vice Sara Oliari) e di Urago d'Oglio Gianluigi Brugali. La loro comunicazione è stata indirizzata al Presidente della Repubblica e alla Presidenza del Consiglio dei ministri.

Leggi anche
Dirigenti in pensione forzata: nella Bassa Bresciana scuola in corto circuito

L'Amministrazione

Tra la folla presente al flash mob anche il vicesindaco di Rudiano Sara Oliari. «Siamo delusi per il trattamento riservatole sia come dirigente scolastico ma anche come persona alla luce del suo impegno quotidiano nei confronti dei ragazzi, genitori e istituzioni comunali. Parlo da genitore e amministratore» ha sostenuto Oliari convinta che questa mobilitazione possa aiutare a far capire agli addetti ai lavori dell’errore commesso nel non prorogare, almeno fino al termine dell’anno scolastico, il ruolo di dirigente ad Elena Sibilia.

 

Suggerimenti