L'ALLARME

Emergenza smog: a Brescia la Provincia lancia il tavolo permanente. E il 27 se ne parla al Pirellone

Il Broletto punta a coinvolgere il capoluogo e i Comuni dell'hinterland, Arpa e Regione Lombardia
Aria malata, Brescia ancora tra le ciittà più inquinate d'Italia
Aria malata, Brescia ancora tra le ciittà più inquinate d'Italia
Aria malata, Brescia ancora tra le ciittà più inquinate d'Italia
Aria malata, Brescia ancora tra le ciittà più inquinate d'Italia

Un tavolo sovraccomunale che coinvolga, almeno inizialmente, i comuni di Brescia, Gardone Val Trompia, Gussago, Lumezzane, Marcheno, Nave, Rezzato, Roncadelle, San Zeno, Sarezzo, Villa Carcina, unitamente ad Arpa e Regione Lombardia. Lo propone la Provincia.

«I livelli di polveri sottili – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Brescia, Emanuele Moraschini – continuano a essere ampiamente sopra la soglia di allarme, un problema che si trascina ormai da anni e sul quale è necessario intervenire insieme, in un’ottica sovracomunale».

Azioni condivise per ridurre il livello di polveri sottili

Utilizzare le targhe alterne, diminuire la velocità sulle tangenziali non è più sufficiente se vogliamo trovare soluzioni efficaci nel lungo periodo. «Per questo motivo – ha dichiarato il Consigliere delegato alla Viabilità, Paolo Fontana, proporremo nei prossimi giorni un tavolo permanente che coinvolga inizialmente i comuni dell’hinterland, con la possibilità poi di ampliarlo ulteriormente, in cui la Provincia sarà capofila per trovare azioni condivise che possano ridurre la concentrazione di Pm10 e Pm2.5, attraverso la sinergia dei comuni coinvolti».

Un lavoro che ha l’obiettivo di mettere in campo alcune azioni nell’immediato e soprattutto programmare e sperimentare strategie e misure volte a contrastare le particelle inquinanti andando a intervenire su più ambiti, da definire e gestire insieme. «Sono necessarie diverse azioni – ha dichiarato la Consigliera all’Ambiente Maria Teresa Vivaldini – che necessitano della collaborazione di tutte le Istituzioni e di tutte le autorità competenti, un impegno collettivo che possa proteggere la salute dei cittadini, visti gli allarmanti dati che vedono un aumento significativo delle malattie respiratorie».

In Regione

Intanto, al Pirellone, l Presidente Federico Romani ha convocato la seduta di Consiglio regionale per martedì 27 febbraio dalle ore 10 alle ore 13. All’ordine del giorno il dibattito in ordine alle azioni di Regione Lombardia sulla qualità dell’aria. E’ prevista nel merito una comunicazione dell’assessore all’Ambiente e Clima Giorgio Maione.

Suggerimenti