sicurezza

Furti e rapine alle gioiellerie, Brescia corre ai ripari: siglato il Protocollo d'intesa contro la criminalità

L'accordo è stato sottoscritto tra la Prefettura, Confcommercio e Confesercenti. Prevede un sistema integrato per l'interscambio di informazioni
I carabinieri e i soccorritori del 118 nella gioielleria di via X  Giornate rapinata a febbraio
I carabinieri e i soccorritori del 118 nella gioielleria di via X Giornate rapinata a febbraio
I carabinieri e i soccorritori del 118 nella gioielleria di via X  Giornate rapinata a febbraio
I carabinieri e i soccorritori del 118 nella gioielleria di via X Giornate rapinata a febbraio

E’ stato siglato il Protocollo d’ Intesa tra la Prefettura, Confcommercio e Confesercenti di Brescia per la prevenzione e il contrasto di fenomeni legati alla criminalità a danno delle imprese orafe, gioiellerie, argenterie ed orologeria sia della città che della provincia di Brescia. Un accordo particolarmente atteso soprattutto a seguito di furti e rapine che nei mesi scorsi si son verificati in città, destando forte preoccupazione nonostante gli autori siano stati identificati e arrestati.

Leggi anche
Colpi in via X Giornate e via Orzinuovi a Brescia: presa la banda dei rapinatori I VIDEO

Chi ha sottoscritto il protocollo

Il documento è stato sottoscritto dal prefetto, Maria Rosaria Laganà, dal vice direttore di Confcommercio Brescia, Roberto Gosetti e dal presidente di Confesercenti, Barbara Quaresmini. Presenti il sindaco, l’assessore alla Sicurezza e l’assessore al Commercio del Comune capoluogo. Hanno pienamente condiviso l’iniziativa, il questore, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, nonché il rappresentante della Provincia e i comandanti, rispettivamente della polizia Provinciale e del comando polizia Locale di Brescia.

La sigla del Protocollo in Prefettura
La sigla del Protocollo in Prefettura

Cosa prevede l’accordo

Punto di forza è la realizzazione di un sistema integrato che favorisce l’interscambio di informazioni e l’utilizzo di sistemi aggiornati di videosorveglianza e sicurezza.

Dispositivi per la sicurezza: il bando

Sulla scia del contenuto del Protocollo, oggi sottoscritto, la Camera di Commercio di Brescia, a seguito dei recenti episodi criminali ai danni di esercizi commerciali di città e provincia, ha adottato un “Bando sicurezza”, appositamente dedicato alle Micro e PMI bresciane di tutti i settori economici, stanziando l'importo di 300.000 euro come contributo economico per l'acquisto di dispositivi e di tecnologie per la sicurezza e per la prevenzione di atti criminosi, per l'acquisto e l'installazione di impianti antintrusione, antitaccheggio, vetri antisfondamento e/o antiproiettile, casseforti e armadi blindati con congegno a tempo, porte di ingresso/uscita con sistema a bussola, effettuati nel periodo 1.1.2024 – 31.12.2024. Il contributo camerale massimo è di 3.000 euro; la spesa minima ammessa è di 1.500 euro.

 

Suggerimenti