il meteo

La pioggia ha le ore contate: da domani torna il sereno e da giovedì "scatto" della primavera

di Alessandro Azzoni
Ultime piogge in atto. Qualche schiarita già oggi pomeriggio. Buone notizie: da domani soleggiato e mite, da giovedì scatto della primavera con tanto sole e temperature in forte aumento per più giorni

Una coda perturbata interessa in queste ore il nord Italia, ancora alle prese con un sistema depressionario destinato a lasciarci entro sera. Dopo pranzo le piogge cesseranno: il tempo migliorerà vistosamente con il ritorno di qualche raggio di sole, in attesa di una parte centrale e finale della settimana realmente primaverili, con sole quasi indisturbato e forte aumento delle temperature diurne, destinate a superare i 20 gradi nel pomeriggio già venerdì 5 aprile.

A garantirlo sarà l’affermazione di un’area di alta pressione subtropicale intenzionata a proteggere il tempo anche nelle fasi iniziali della prossima settimana, ancora sotto un generoso sole primaverile.

Da domani il tempo migliora sensibilmente

Prima dell’annunciato scatto della primavera occorrerà però attendere un ultimo transito instabile in programma mercoledì 3 aprile. Sarà veloce e poco impattante, ma potrebbe produrre ancora qualche veloce piovasco, specie in collina e in montagna.

Domani, 2 aprile, ci aspetta invece un netto miglioramento: tornerà il sole, quasi sempre presente con l’eccezione di qualche annuvolamento passeggero nel pomeriggio. Temperature massime in contenuta ripresa, comprese fra 18 e 19 gradi. Più nuvoloso e a tratti coperto a metà giornata sarà il cielo di mercoledì, pur con temperature stabili.

Da giovedì scatto della primavera: sole e caldo per tutti

È certo ormai che da giovedì la stagione cambierà volto. Cielo grigio e pioggia lasceranno spazio a tanto sole e a temperature in forte aumento. Da giovedì un grande e agguerrito anticiclone subtropicale rimonterà dalla Spagna all’Europa centrale coinvolgendo anche l’Italia. Fino a domenica compresa il tempo sarà quindi stabile, con cielo sereno o al massimo poco nuvoloso nelle ore pomeridiane.

L’alta pressione farà buona guardia anche al tempo dei primi giorni della prossima settimana, ancora soleggiati e molto miti. Solo da mercoledì 10 sembra farsi avanti una saccatura che dovrebbe riportare piogge e temporali.

I primi tre mesi dell’anno straordinariamente piovosi

A differenza degli scorsi anni, quest’anno il bilancio pluviometrico dei primi tre mesi dell’anno è particolarmente abbondante, quasi triplo rispetto ai nomali valori della statistica. A Brescia il primo trimestre dell’anno, solitamente il più arido, ha ricevuto piogge totali per poco più di 380 millimetri contro i 150 della media (poco più di 300, invece, ai confini con il cremonese e il mantovano).

Tutt’altro rispetto a quanto accaduto l’anno scorso – poco più di 100 i millimetri di pioggia accumulati nel trimestre - alle prese con una siccità con rari precedenti testimoniata dai corsi d’acqua raramente tanto magri. Il primo trimestre del 2022 era stato anche più secco, con accumuli per 50 millimetri, meno di un quarto di quest’anno. Piogge trimestrali per poco più di 100 millimetri nel 2021, e per 90 mm nel 2020. Aridi anche i primi tre mesi del 2019 con appena 75 millimetri. 

Suggerimenti