il caso

Quindicenne al Civile: si indaga per lesioni gravissime

di Paolo Cittadini
Il ragazzino ha avuto un malore venerdì una volta sceso da un bus. Potrebbe essere stato aggredito durante il viaggio

Il riserbo degli inquirenti è strettissimo. Le indagini della polizia Locale di Brescia sono infatti soltanto all’inizio. Di certo c’è che da venerdì un ragazzino di quindici anni si trova ricoverato in ospedale per un importante trauma cranico. Quello che è accaduto al termine dell’orario di scuola è al vaglio degli investigatori che procedono, al momento contro ignoti, per lesioni gravissime.

Indagini

L’ipotesi è che il ragazzino possa essere stato vittima di una aggressione, forse per un tentativo di rapina, mentre si trovava a bordo del mezzo del trasporto pubblico che lo stava portando da scuola in stazione a Brescia. Il giovane potrebbe essere stato colpito alla testa oppure potrebbe avere battuto il capo a terra dopo essere stato affrontato da uno o più coetanei. Stando a quello che, fino ad ora è stato possibile ricostruire, il ragazzino si sarebbe sentito male una volta sceso dal pullman. Il giovane, che era in compagnia di alcuni amici, si sarebbe ripreso salendo poi sul mezzo pubblico che avrebbe dovuto riportarlo nel paese (nella zona Ovest della provincia) dove vive.

Una volta a bordo il quindicenne ha perso i sensi facendo scattare l’allarme. Immediatamente soccorso, l’adolescente è stato portato al Pediatrico del Civile dove è stato ricoverato in condizioni molto gravi L’adolescente dopo essere uscito dal reparto di Rianimazione si trova ora in un letto del reparto di Neurologia. Quando le sue condizioni lo permetteranno sarà sentito dagli inquirenti. Della vicenda è stata informata la procura dei minori di Brescia che nelle prossime ore aprirà un fascicolo di indagini Ombre e testimonianze La polizia Locale di Brescia sta cercando di ricostruire quello che può essere successo durante il tragitto dalla scuola frequentata in città del giovanissimo. Gli investigatori sono al lavoro per individuare possibili testimoni e sgretolare il uro di omertà che sarebbe stato «costruito» da chi potrebbe avere assistito alla scena.

Suggerimenti