Il progetto

Gargnano «seppellirà» la fame di posti auto

di Luciano Scarpetta
Sulle ceneri del Camping Ruc nascerà un parcheggio sotterraneo per 150 veicoli a duecento metri dal centro storico
L'ingresso del sito di Gargnano dove sarà costruito un parking sotterraneo per 150 auto
L'ingresso del sito di Gargnano dove sarà costruito un parking sotterraneo per 150 auto
L'ingresso del sito di Gargnano dove sarà costruito un parking sotterraneo per 150 auto
L'ingresso del sito di Gargnano dove sarà costruito un parking sotterraneo per 150 auto

Dopo Limone, anche Gargnano vuole seppellire la fame di parcheggi. L'autosilo costruito all'ingresso sud del paese in piazzale Boldini verrà bissato all'estremità nord del capoluogo.

Il progetto

La struttura in un'area strategica posta a 200 metri dal centro storico, in prossimità del parco pubblico Fontanelle di via Rimembranza, sulle ceneri dell'ex Camping Ruc. Dopo l'acquisto del lotto nel novembre 2021 con una spesa di 730 mila euro, adesso è stato realizzato lo studio di fattibilità tecnico economica per la realizzazione di una struttura interrata di due piani. «L'autosilo- anticipa il sindaco di Gargnano Giovanni Albini -avrà una capacità di 110 posti che poi diventeranno più o meno 150 all'interno dell'area dell'ex Camping Ruc, sommando le auto che troveranno posto a raso dell'edificio e le altre collocate nel terrazzamento poco sopra di 1.031 metri quadri, anche questo destinato a parcheggio pubblico».

Le prospettive

Proprio in previsione di maggiori accessi dalla zona nord, è già stata allargato il tratto di strada che dall'intersezione con la 45 bis nei pressi dell'Hotel Meandro, conduce in discesa verso la strada di San Giacomo, il parco Fontanelle e, successivamente, al futuro autosilo e centro del paese. «Grazie all'ultima variazione di bilancio, entro fine anno verranno posizionati i lampioni e la ringhiera che delimita il marciapiede a fianco del tratto stradale», continua il sindaco. L'intervento complessivo alla viabilità comunale in quell'area, prevede inoltre la realizzazione di una rotatoria all'innesto con la 45 bis ritenuta soluzione più idonea per risolvere il problema dell'attuale pericolosità dello svincolo della via del Ruc. Ipotesi che il Comune ha sottoposto alla valutazione di Anas.

I risvolti turistici

Anche in chiave turistica per il capoluogo si tratterebbe di una strategica boccata d'ossigeno alla voce parcheggi, soprattutto dopo lo strappo avvenuto nel febbraio 2017 tra l'Amministrazione comunale e i proprietari del sito dell'ex Società lago di Garda, comparto localizzato all'ingresso del paese dove da diversi anni, grazie ad un accordo in comodato d'uso gratuito, veniva concessa l'area esterna capace di ospitare 35 posti auto. Scaduta la convenzione urbanistica del piano di recupero dell'intero comparto, è stata in seguito introdotta la variante al Piano di governo del territorio per specificare che l'area esterna dovrà essere destinata a parcheggio. Decisione presa con la consapevolezza di disporre anche dei necessari strumenti per un'acquisizione forzosa, qualora fosse necessaria.

I parcheggi nell'ex oliveto

Pochi entusiasmi ha inoltre riscosso il parcheggio a pagamento realizzato dalla parrocchia nell'ex oliveto del Rustico a fianco delle scuole medie. L'auspicio è che adesso possa almeno servire per gli utenti della piscina pubblica comunale da poco riaperta a poche decine di metri di distanza.

Suggerimenti