La tragedia

San Zeno, 57enne trovato senza vita in casa: era morto già da qualche giorno

di Redazione web
Ad allertare il sindaco e le forze dell'ordine alcuni vicini che avevano notato la sua assenza prolungata. Si suppone che Mauro Z., originario di Monza e da poco trasferito nell'hinterland dopo aver vissuto a Ghedi, sarebbe morto per cause naturali
Soccorsi a San Zeno
Soccorsi a San Zeno
Soccorsi a San Zeno
Soccorsi a San Zeno

Viveva da solo, lontano da parenti che risiedono fuori provincia, il cinquantasettenne Mauro Z ., trovato morto ieri mattina nella sua abitazione di via Roma, nel cuore di San Zeno. Era nato nel 1965 a Monza e si era trasferito recentemente nel paese dell’ hinterland, dopo esser passato per Ghedi. Non era sposato e non aveva figli, svolgeva lavori non in maniera continuativa.

Abitava in un cortile così, i vicini hanno notato la sua assenza, in un primo momento non immaginando risvolti drammatici, poi quando hanno notato che l’assenza si prolungava hanno cominciato a chiamarlo e visto che non rispondeva hanno allertato il sindaco Marco Ferretti e le forze dell’ordine per un sopralluogo immediato e precauzionale.

L’anno scorso aveva fatto perdere le sue tracce per tre settimane e la sorella che abita Milano avevo lanciato l’allarme attraverso i quotidiani per rintracciarlo. Gli agenti della Polizia locale e carabinieri hanno così provveduto a forzare la serratura grazie all’intervento dei Vigili del fuoco, autogru: una volta entrati in casa hanno purtroppo trovato la persona morta già da qualche giorno, per cause quasi certamente naturali. Aveva avuto un infarto qualche tempo e da allora non si muoveva più in moto ma in bicicletta. I parenti sono stati allertati e a inizio settimana dovrebbero svolgersi i funerali.

Il cordoglio

Il sindaco dopo aver espresso le “più che doverose condoglianze” ai parenti del defunto e il dispiacere della comunità per una morte avvenuta ad un’età tutt’altro che avanzata, sottolinea come nella “triste vicenda traspaia però l’interesse delle comunità verso i concittadini, la premura del vicinato che ha notato l’assenza di un inquilino del caseggiato e se ne è preoccupato, lanciando l’allarme. Se no chissà quanto tempo avrebbe potuto passare prima della tragica scoperta. Almeno nelle nostre piccole comunità il vicino è tale anche per interesse umano, interessato a quanto di preoccupante possa accedere agli altri”.