sebino

Oro verde, poco ma buono: a Montisola torna la festa dell’olio novello

di Alessandro Romele
Domenica 26 novembre torna la rassegna dedicata alla «Dop» del lago d’Iseo. Qualità molto alta nell’anno che vede crollare la quantità
Olio
Olio
Olio
Olio

Da sempre è il prodotto principe del settore agroalimentare di Montisola: l'olio extravergine di oliva sarà celebrato con tutti gli onori nella giornata di domenica, 26 novembre, con una tavola rotonda a Sensole, alla «Locanda Contemporanea», a cui prenderà parte anche Oscar Farinetti, imprenditore, fondatore della catena Eataly, amico di vecchia data del lago d'Iseo.

Assaggi e mercatini

Si partirà alle 14, con l'apertura del mercatino agricolo e gli assaggi e le degustazioni dell'olio e delle altre produzioni tipiche, come il salame o la sardina. Alle 16, Farinetti presenterà il suo ultimo libro, intitolato «10 mosse per affrontare il futuro», insieme al sindaco Fiorello Turla: «È un’iniziativa che ha già una storia decennale - sottolinea il primo cittadino - per celebrare l'olio novello e mettere in risalto il lavoro degli hobbisti e delle aziende agricole del territorio».

Una produzione più che dimezzata

Ma anche Montisola, come gli altri comuni del Sebino, quest'anno ha accusato il colpo, dal punto di vista delle quantità prodotte: «Vantiamo 16 mila olivi sul nostro territorio - ricorda il sindaco - e lo scorso anno il frantoio "La masna dell'isola", gestito dalla cooperativa Clarabella, ha lavorato 2.000 quintali di olive, mentre quest'anno saranno meno di 500». Lo aveva annunciato anche Aipol, associazione dei produttori, all’inizio della raccolta: annata avara, per le ondate di maltempo primaverile ed estivo, oltre che per il ritorno della mosca olearia.

Un calo drastico

«La produzione media – ha ricordato l'Aipol lombardo – è stata inferiore del 50 percento sullo scorso anno, quando il Sebino, in generale, registrò 11 mila quintali di olive molite e 1500 quintali di olio prodotto». Cifre inferiori, e di molto, ma qualità, come sempre, al top, e questo è garantito. Domenica a Montisola, come sempre, andrà anche in scena la sfida «amichevole» per decretare l'olio migliore del paese: «Gli hobbisti e i produttori sono stati coinvolti – ricorda Turla – e domenica conosceremo il vincitore. I prodotti fatti pervenire sono stati analizzati da un panel di esperti». Il miglior olio 2023 avrà in premio un buono spesa di 500 euro.

Suggerimenti