in via valenca

Coccaglio, travolta e uccisa mentre va in stalla dal mezzo agricolo guidato dal nipote

di Simona Duci
Il tragico incidente è avvenuto dell'azienda agricola di famiglia. Sul posto carabinieri e Ats
Il piazzale dove è avvenuto l'investimento a Coccaglio
Il piazzale dove è avvenuto l'investimento a Coccaglio
Il piazzale dove è avvenuto l'investimento a Coccaglio
Il piazzale dove è avvenuto l'investimento a Coccaglio

Come ogni giorno, all'alba di mercoledì in sella alla sua bicicletta stava andando nella stalla per riempire un contenitore con il latte appena munto, ma durante il tragitto è stata travolta e uccisa dal mezzo agricolo condotto dal nipote. La tragedia si è consumata in pochi istanti nell'azienda agricola di Coccaglio. Alda Zotti, 86 anni, finita sotto il merlo - l'attrezzatura utilizzata per movimentare il letame dalle vasche al carro per la fertirrigazione - non ha avuto scampo.L'anziana è deceduta sul colpo davanti allo sguardo disperato del nipote, che ha fatto scattare i soccorsi.

Nell'azienda agricola di via Valenca sono arrivate nel giro di una manciata di minuti due ambulanze e un'automedica. Ma il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso della vittima dell'incidente. Essendo avvenuto in un'area di lavoro, i tecnici dell'Asst Franciacorta hanno effettuato gli accertamenti coadiuvati dai carabinieri di Rovato e di Cologne.

La ricostruzione

La dinamica del dramma è stata ricostruita in ogni dettaglio. Il nipote della vittima stava movimentando del materiale con un sollevatore telescopico (chiamato il merlo), quando a pochi passi dalla stalla ha investito in pieno la nonna che, in sella alla sua bicicletta, si stava apprestando a prendere del latte appena munto nello stalla adiacente al piazzale. Quando il nipote si è accorto di aver travolto la nonna, ha cominciato a gridare consapevole che per Alda Zotti non ci fosse più nulla da fare.

I parenti lo hanno trovato in stato di shock. Secondo le forze dell'ordine potrebbe essere stato il buio ad aver impedito la vista della nonna nel piazzale di casa, poco illuminato. Un dramma che ha coinvolto tutta la famiglia Zotti, che è residente in via Valenca dove sorge anche l'azienda agricola gestita e tramandata da generazioni. Un allevamento di bovini da latte e da carne che dall'82 ha avuto il suo massimo sviluppo importando capi dagli Stati Uniti d'America e dal Canada e facendo incetta di premi per gli esemplari selezionati.

La dinastia

Gli Zotti sono una famiglia storica e di rilievo per il territorio, conosciuta non solo a Coccaglio, dove è titolare di diverse attività (tra cui l'Hotel Touring Franciacorta), ma soprattutto a Castrezzato, paese limitrofo e originario luogo di nascita della signora Alda, ricordata anche per essere stata in passato proprietaria della storica residenza Villa Almici, complesso sette-ottocentesco divenuto poi di proprietà comunale, tra i luoghi più rappresentativi di Coccaglio. «Con Alda - ha commentato l'amica Maria Grazia - se ne va un pezzo della storia di Castrezzato. Era una donna tenace, che ha rappresentato ed affermato la partecipazione delle donne nel mondo del lavoro e non solo».

Venerdì i funerali

I funerali sono stati fissati per domani, venerdì 1 dicembre,  alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Castrezzato, partendo alle 15.45 dalla casa del commiato di Mombelli a Chiari in via Rudiano, dove si terrà la veglia di preghiera oggi pomeriggio alle 17. Alda Zotti lascia la sorella Mary, la cognata Teresa e i nipoti.

Suggerimenti