Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 15 novembre 2018

Per pagarlo rincari in vista sulle tariffe

Detto della progettazione per la parte «veneta» dei nuovi collettori, restano due parttite aperte: il depuratore bresciano, con Visano che non ci sta, e il reperimento dei fondi mancanti, da aggiungere ai 100 milioni offerti dal governo. LA RESTANTE QUOTA di fabbisogno finanziario, è riportato in calce nella Convenzione operativa siglata il 20 dicembre tra il Ministero, le Regioni, l’Ufficio d’Ambito di Brescia, il Consiglio di Bacino Veronese e Ats, troverà copertura nelle tariffe. Per fare stare in piedi l’operazione, la sponda veronese ha in previsione un aumento delle tariffe a carico dei cittadini del 30% in 14 anni (2,1% annuo), mentre sulla bresciana i rincari sarebbero stimati in un 50% in 9 anni, in pratica il 5,5% annuo. «È evidente – spiega Giovanni Peretti, presidente di Ats Garda Ambiente - che meno risorse riusciremo a reperire da Fondi Europei, Regioni e tassa di soggiorno, maggiore sarà la quota della tariffa in carico ai cittadini». L.SCA.