Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 17 novembre 2018

Fronte contro la discarica: la Castella torna nel mirino

Alla vigilia della Conferenza dei servizi fissata per il 20 settembre, il Codisa fa appello a tutte le forze politiche e istituzionali affinchè il progetto di aprire la discarica Castella 2 a Rezzato venga bocciato. «Se tecnicamente ci sono poche argomentazioni per negare la richiesta, ci auguriamo di arrivare al risultato percorrendo altre strade - precisa Francesco Venturini, coordinatore del Comitato Difesa Salute e Ambiente di Buffalora -. Chiediamo almeno che, finchè Garda Uno non ritirerà il ricorso al Consiglio di Stato contro il diniego alla realizzazione della Castella 1, la Provincia sospenda la valutazione finale di questa nuova discarica». Il bacino di smaltimento, a 50 metri in linea d’aria dall’impianto bocciato dal Tar, prevede lo smaltimento di 14 macro tipologie di rifiuti non pericolosi, per 905mila metri cubi. Ogni anno dovrebbero essere tumulati - su una superficie di oltre 75 mila metri quadrati - 120 mila metri cubi di scorie. Il Codisa, che ha incontrato i responsabili del Broletto, ritiene che «le condizioni critiche di Buffalora e San Polo, sia sotto il profilo ambientale che sanitario, rispetto agli impatti cumulativi, siano le stesse del primo procedimento non autorizzato, per il quale Ats aveva evidenziato che prudenzialmente nessun impianto poteva essere aggiunto», spiega Venturini. Inoltre, «la discarica, intervenendo su una cava in via di dismissione, impedisce il ripristino ambientale concordato e dovuto sul territorio alla fine di ogni escavazione, senza contare che quest’ultima potrebbe rovinare o distruggere reperti di rilievo archeologico che si trovano sotto la ex Cascina Castella». Codisa fa poi leva sul fatto che «non sono previste centraline di monitoraggio in grado di valutare l'inquinamento dei microinquinanti e infine che il progetto non deve essere sovradimensionato, col rischio di accogliere in futuro anche rifiuti pericolosi». Sabato intanto a Buffalora, con partenza dalla chiesa alle 14,30 è in programma una manifestazione contro la discarica. •