Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 22 luglio 2018

Prefettura
«Ispezioni
in corso»

Tutte le amministrazioni comunali del territorio bresciano si stanno muovendo in accordo con le forze dell'ordine di competenza, la questura per Brescia e Desenzano, i carabinieri e le polizie locali per il resto del territorio dove sono capillarmente presenti, per individuare e mappare luoghi sensibili ed eventi di richiamo che comportino particolari misure di sicurezza. «È un impegno in itinere», fa sapere la Prefettura dopo il summit in Broletto di sabato scorso, convocato a seguito degli attentati in Spagna e Finlandia. Lunedì hanno preso il via una serie di sopralluoghi delle forze dell’ordine, alla fine dei quali, terminata la fase di verifica e monitoraggio - «in tempi brevi» si assicura - sarà convocato un altro comitato per il piano strategico. Gli interventi, alcuni già adottati nei Comuni, ricalcheranno quelli già individuati nel luglio scorso dopo i tragici fatti di Nizza e nelle feste natalizie dopo Berlino, su indicazione del Viminale, prefiltraggi e controlli mirati nelle manifestazioni, azioni di sfoltimento e separazione, impedimenti materiali, fioriere, new jersey o barriere più o meno esteticamente pregevoli, per garantire il più possibile la sicurezza.M.BI.