Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 22 novembre 2017

Libri antichi, gli esperti a convegno

Aspettando l’arrivo del Museo del libro antico, il primo e unico in Lombardia, Sabbio si prepara a una giornata dedicata agli stampatori della Valsabbia. Autentici maestri che a partire dal Quattrocento furono attivi nelle più grandi città italiane, Venezia, Roma, Napoli e Messina, ma anche in Francia. Venti le famiglie di Sabbio che si dedicarono all’arte della stampa. Tra loro gli storici Nicolini poi da Sabbio, i Gelmini, Ventura e Carampelli, i Bericchia, Pelizzari e Tini, i Baruzzi, Comencini e Comincioli. Oggi in Valsabbia sono censiti 200 libri antichi in mano a enti e privati, con i Comuni di Sabbio e Vobarno che insieme ne possiedono la metà.

DA QUI L’IDEA del Museo del libro antico e della giornata di studi «Arte veramente rara, stupenda e miracolosa», organizzata da Comune, Ateneo di Salò e Comunità Montana. L’appuntamento con il convegno è per sabato, con le classiche due sessioni. Una vetrina a più voci di spessore coordinata dalle 9.30 da Elena Ledda dell’Ateneo di Salò, con Alfredo Bonomi a spiegare i perché del progetto e con poi Cesare De Michelis, presidente della Marsilio Editori di Venezia e professore emerito all’Università di Padova, a raccontare «La lunga storia del libro da Manuzio a oggi».

Quindi Giuseppe Nova, storico dell’arte tipografica bresciana, parlerà degli «Stampatori valsabbini e benacensi nel XV secolo». Infine Michela Valotti, dottore di ricerca in Storia dell’Arte, racconterà «L’impresa editoriale di Comin Ventura». Poi, dalle 15, spazio alle visite e alle iniziative collaterali, organizzate con il Museo della carta di Toscolano della direttrice Lisa Cervigni: ci saranno i maestri cartai al lavoro, il laboratorio didattico per bambini «Toscolano 1381», «Gli stampatori da Sabbio: viaggi di carta» con Flavio Richiedei di «Habitar in sta terra» e «Che tipi questi stampatori», percorso a tema per ragazzi curato da Michela Valotti.M.PAS.