Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Un saluto commosso
alla maga dei fornelli

Assunta Paterlini (BATCH)

C’era tutta San Colombano ieri a dire addio ad Assunta Paterlini, autentica protagonista nella storia turistica del paese. Conosciuta in mezza provincia, è stata in prima fila nell’accoglienza e nella ristorazione per mezzo secolo nella frazione di Collio, e avendo una parentela intrecciata in tutto il paese il lutto è davvero collettivo.

Era cresciuta in una schiera di sette fratelli, figlia di Primo e Ninì, altra Paterlini, contadini e allevatori in montagna, aiutandoli nei lavori governati dalle stagioni . Classe 1944, a 21 anni aveva sposato Pierino, prima minatore e poi muratore. Erano anni di grande attività in campo turistico da queste parti, e loro decisero il loro futuro costruendo l’albergo ristorante Naanì: impiegarono tre anni e a Natale del 1968 ci fu l’avvio dell’attività; lei in cucina e lui al banco.

Poi sono arrivati i figli Roberto, Gigliola e Marina a proseguire un successo che continua anche oggi. Facendo anche la mamma e poi la nonna, Assunta ha trascorso la vita in cucina, per cinquant’anni, manifestando sempre una salute di ferro. Sabato i suoi preoccupati di non vederla sono saliti nella sua camera: l’aveva uccisa un infarto. Ieri la lunga processione fino alla chiesa e poi al cimitero. E.BERT.