CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.09.2017

Nonno-marijuana
coltivava un
orto da sballo

La marijuana sequestrata dai carabinieri di Gussago
La marijuana sequestrata dai carabinieri di Gussago

In questo caso l’ingegno per arrotondare la pensione non si può dir che rientri nelle situazioni che se certo non si condividono, almeno si possono comprendere. Un pensionato di sessantotto anni è stato arrestato martedì mattina dai Carabinieri di Gussago, con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Il controllo è scattato all’alba, dopo che i militari della stazione del centro dell’hinterland, grazie ai consueti controlli e monitoraggio del territorio, sono riusciti ad individuare il luogo della coltivazione, con ogni probabilità grazie anche a qualche sospetto.

I militari sono andati insomma a colpo sicuro: nel garage e nello scantinato gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto, complessivamente 73 grammi di marijuana già essiccata in diversi contenitori e 4 grammi di hashish in piccole dosi, pronte per essere messe in vendita. Nell’orto e in un campo vicino, invece, sempre di proprietà dell’anziano, è stata trovata la fonte dell’approvvigionamento: cinque piante di marijuana di quasi due metri d’altezza ciascuna, colme di infiorescenze e pronte per essere raccolte. Sul posto i militari hanno provveduto ad estirparle dal terreno e a sfogliarle, per poi quantificarne successivamente il peso ammontante a circa 1 Kg tra fogliame e infiorescenze ancora verdi. Con processo per direttissima, l’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto ed emesso la sentenza di condanna ad un anno di reclusione e 2.000 euro di multa.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1