Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 21 maggio 2018

Raffica di furti, Idro adesso ha paura

I furti nelle abitazioni sono avvenuti non soltanto in ore notturne (BATCH)

Prima un’aggressione notturna. Quindi una rapina in piena regola. Infine una serie di inquietanti furti. In poche settimane la ridente e tranquilla Idro si è trasformata in un angolo di periferia teatro di scorribande e incursioni. Tutto è iniziato con l’aggressione a sei donne da parte di un giovane disturbato lo scorso 23 gennaio, un evento al momento isolato, finito con il riconoscimento della persona in questione e la relativa denuncia. Poi si è passati alla rapina a mano armata a una gelateria sul lungolago di Lemprato, dove è stato esploso pure un colpo di pistola per intimorire le dipendenti e farsi consegnare le borsette. A tutto ciò è seguita una serie di furti nelle abitazioni che per tempi e dinamica lasciano sconcertati gli abitanti. L’ultimo colpo è stato messo a segno nella serata di mercoledì, tra le ore 20 e le 23, nell’abitazione di un anziano in via della Paul. Poco distante da qui i ladri hanno cercato di entrare in un’altra abitazione, ma la padrona di casa, che stava guardando la televisione al buio, li ha messi in fuga accendendo le luci. Dalla casa dell’anziano, che in quel momento era fuori, sono stati portati via documenti, bancomat, blocchetto degli assegni e un po’ di contanti. Il fatto che tre dei quattro furti siano andati a segno in orari diversi e piuttosto insoliti fa pensare che i ladri seguano e controllino le abitudini di chi vive nelle case che hanno intenzione di svaligiare, anche se nella villa di via Roberto Bertini la proprietaria era presente. Un caso? Inoltre: c’è una relazione tra la rapina e i furti? I ladri individuano gli obiettivi e li studiano o vanno a caso? Sono domande a cui stanno cercando di dare una risposta i Carabinieri di Idro, che pare stiano seguendo una pista ben precisa. Nelle due abitazioni prese di mira qualche giorno fa, al momento dell’effrazione non c’era nessuno. Soltanto al loro rientro i proprietari si sono accorti di essere stati derubati di gioielli, denaro, documenti e tutto ciò che era a portata di mano. Da una delle due villette i ladri se ne sono andati con una Ford Fiesta bianca dei proprietari di casa. L’auto, dopo una decina di giorni, non è ancora stata ritrovata. Si tratta di un semplice furto d’auto o il mezzo potrebbe essere nascosto in previsione di altro? La preoccupazione sale nella piccola Idro. • M.ROV. © RIPRODUZIONE RISERVATA