All’assalto del Monza con due punte per ritrovare il gol

Ieri gli ultras hanno fatto trovare striscioni ai giocatori all’ingresso del centro sportivo di Torbole
Ieri gli ultras hanno fatto trovare striscioni ai giocatori all’ingresso del centro sportivo di Torbole

Le contestazioni al tempo del Covid non sono ammesse, specialmente in zona rossa. E così la rabbia della Curva Nord Brescia è stata affidata a striscioni appesi all'ingresso del centro sportivo di Torbole Casaglia. Parole dure quelle scritte di blu su sfondo bianco. «Non siete degni di portare la nostra maglia....». E ancora: «Vergogna» a testimoniare un malessere evidente e palpabile nei confronti dei giocatori alla luce delle recenti prestazioni e sconfitte. Si è aperta così la ripresa degli allenamenti in casa Brescia. In dote non solo la contestazione dei tifosi ma anche la notizia della squalifica di Ales Mateju. Il centrale della Repubblica Ceca è stato fermato per un turno per somma di ammonizioni. Considerata la lungodegenza di Andrea Cistana, ancora ai box per infortunio, Davide Dionigi non avrà alternative che rilanciare Andrea Papetti. IL GIOVANE centrale non sta certamente attraversando un momento favorevole di forma. Nelle ultime tre gare il difensore di Cernusco sul Naviglio ha giocato una sola volta dall'inizio, contro il Vicenza, per infortunio dell'ultimo momento di Chancellor. La sfida con il Monza di Boateng e Balotelli (forse) sarà per lui, come per molti altri componenti della rosa, l'occasione del riscatto. Ma la scarsità di risorse nel reparto arretrato porterà Dionigi ad una attenta valutazione delle scelte, non solo in funzione del modulo da adottare. Mentre la fascia destra è in cerca di padrone, vista l’imminente partenza di Sabelli (ieri unico assente a Torbole), a sinistra, per verrà riproposto Martella. Atteso un nuovo rimpasto in mezzo al campo. Bisoli si candida per una nuova chance dal 1’, con Bjarnason. a scalpitare per l’altra maglia in mezzo a campo. Altro tema caldo è la scelta dell'attacco: 1-2 o 2-1? Per dare maggior peso ad un reparto debole di sostanza e ritrovare il gol (manca da 2 gare) Dionigi è pronto a giocare con due attaccanti. Così facendo appare scontato il rientro di Donnarumma al fianco di Ayé. Ma la condizione atletica sarà determinante. E Fridjonsson? Arma da utilizzare a gara in corso per alzare i centimetri. Situazioni di gioco allo studio già a partire da questa mattina quando la squadra, alle 10.30, sarà chiamata al secondo allenamento settimanale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Pettenò