Bicelli re della Coppa Tokyo: segnale per i Giochi

Numerosi ottimi risultati per i nuotatori bresciani a conferma di una scuola sempre all’avanguardiaLa partenza di una delle gare della Coppa Tokyo, che si è svolta sabato e domenica nella piscina di via Rodi SERVIZIO FOTOLIVE / Alessio GuittiFederico Bicelli (a destra) con Fabrizio Sgrò (Europa Sporting Club)
Numerosi ottimi risultati per i nuotatori bresciani a conferma di una scuola sempre all’avanguardiaLa partenza di una delle gare della Coppa Tokyo, che si è svolta sabato e domenica nella piscina di via Rodi SERVIZIO FOTOLIVE / Alessio GuittiFederico Bicelli (a destra) con Fabrizio Sgrò (Europa Sporting Club)

Tre pass bresciani per gli Assoluti di Riccione (più 2 bergamaschi), un nuovo record italiano paralimpico nella categoria «s7» e una pioggia di medaglie. Insomma tanta carne al fuoco nella due giorni della prima tappa stagionale della Coppa Tokyo andata in scena nel weekend a Lamarmora. Dopo il debutto degli Esordienti nel primo appuntamento dell’anno, nella piscina di via Rodi sono tornati protagonisti i grandi talenti bresciani, che hanno subito messo in chiaro le ambizioni di «Brescianuoto» per questa anomala stagione. Pur nel dispiacere generale per l’annullamento dei Criteria Giovanili di Riccione - la notizia era circolata già venerdì -, i nuotatori delle squadre bresciane hanno dato vita a una due giorni intensa. La copertina spetta a Federico Bicelli, il nuotatore bresciano che ad oggi ha la più alta probabilità di presentarsi a Toyko. L’atleta paralimpico della bresciana No Frontiere Onlus ha battuto (di nuovo!) il record nei 400 stile della categoria s7 chiudendo in 4’43“84. «Sono molto soddisfatto - ha dichiarato -. Ho abbassato di due secondi il tempo dell’ultima gara di dicembre». Bicelli, che gareggia nel circuito Fin per l’impossibilità della sezione paralimpica di organizzare eventi, sta bruciando le tappe di avvicinamento alla competizione a cinque cerchi. NON GUARDANO al Giappone ma ai Campionati Italiani Assoluti, Michele Lamberti e Ilaria Togni. Nel primo appuntamento dell’anno, il classe 2000 della Gam Team (con doppio tesseramento per le Fiamme Gialle) ha subito centrato un doppio pass per Riccione. Sabato si è preso quello dei 50 farfalla in 23“85. Domenica ha replicato sulla distanza doppia dei 100 in 52“57. Festeggia anche Ilaria Togni, classe 2004 dell’Aquatic Center di Montichiari, che si assicura un posto a Riccione con il 2’26“91 dei 200 rana. Si fa grande in acque bresciane Davide Nardini (Olimpic Swim Villongo) che a Lamarmora ha ottenuto i pass per Riccione nei 50 dorso e 200 stile. Tra le migliori prestazioni della giornata spiccano molti atleti della Gam. Noemi Lamberti è splendida nei 200 stile (2’00“93) e nei 400 stile (4’16“03). Bene anche Michela Caglio, che si mette in coda alla compagna per soli 5 millesimi nei 200 (2’00“88) e per 2 centesimi nei 400 (4’16“24). Da segnalare anche le prove di Alessia Ossoli (400 stile, 4’18“65 e 800 stile, 8’55“36), Giorgia Tononi (400 stile, 4’20“81, 800 stile, 8’49“23) così come Elia Fracasetti (15’59“05 nei 1500 stile). L’An Brescia si lustra gli occhi con Riccardo Saita nei 100 stile (51“03). Aquatic Center Montichiari brilla ancora con Gabriel Brushtulli (1’03“13 nei 100 rana). • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Armanini