Si va al Tardini con la difesa a 4 I dubbi in attacco

Andrea Cistana: il difensore-simbolo del Brescia in azione sabato FOTOLIVEFilippo Inzaghi, 48 anni: allenatore
Andrea Cistana: il difensore-simbolo del Brescia in azione sabato FOTOLIVEFilippo Inzaghi, 48 anni: allenatore
Andrea Cistana: il difensore-simbolo del Brescia in azione sabato FOTOLIVEFilippo Inzaghi, 48 anni: allenatore
Andrea Cistana: il difensore-simbolo del Brescia in azione sabato FOTOLIVEFilippo Inzaghi, 48 anni: allenatore

Sotto lo sguardo del presidente Massimo Cellino il Brescia ha svolto ieri il penultimo allenamento in vista della delicata trasferta di mercoledì a Parma. Dal punto di vista tattico Filippo Inzaghi è pronto a fare un passo indietro rispetto a quanto visto contro il Pisa. Al Tardini sarà 4-3-2-1. E l'allenatore medita qualche cambiamento nell'undici di partenza. Il ritorno della difesa a 4 faciliterà il rientro a destra di Mateju, con Cistana al centro. Il difensore bresciano potrebbe ritrovare al suo fianco Mangraviti, favorito su Chancellor. Sulla corsia mancina ci sarà Pajac. In mediana Inzaghi deve sciogliere i dubbi sulla conferma di van de Looi. Sabato contro il Pisa l'olandese ha fornito una prova insufficiente. I suoi possibili sostituti, Labojko e Ndoj, sono ancora alle prese con allenamenti personalizzati. Il tecnico starebbe pensando all'inserimento dal 1’ di Jagiello da interno, con Bisoli in mezzo e la conferma di Bertagnoli. Ma le maggiori novità dovrebbero riguardare l'attacco. Quasi certo l'inserimento di Moreo per Bajic come terminale offensivo. Scalpita per una chance Ayé. Palacio si è allenato a singhiozzo: viene gestito. A comporre il terzetto avanzato uno tra Leris e Tramoni. Oggi pomeriggio l'allenamento di rifinitura.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Pettenò