È super Virtus Lumezzane: vittoria bis e finale blindata

Missione compiuta per la Virtus Lumezzane: i valgobbini si aggiudicano anche gara-2 della semifinale playoff e staccano il pass per la serie che metterà in palio la promozione in BProva di forza e gara sempre in controllo: la Virtus si conferma corazzata al cospetto di Milano3
Missione compiuta per la Virtus Lumezzane: i valgobbini si aggiudicano anche gara-2 della semifinale playoff e staccano il pass per la serie che metterà in palio la promozione in BProva di forza e gara sempre in controllo: la Virtus si conferma corazzata al cospetto di Milano3
Missione compiuta per la Virtus Lumezzane: i valgobbini si aggiudicano anche gara-2 della semifinale playoff e staccano il pass per la serie che metterà in palio la promozione in BProva di forza e gara sempre in controllo: la Virtus si conferma corazzata al cospetto di Milano3
Missione compiuta per la Virtus Lumezzane: i valgobbini si aggiudicano anche gara-2 della semifinale playoff e staccano il pass per la serie che metterà in palio la promozione in BProva di forza e gara sempre in controllo: la Virtus si conferma corazzata al cospetto di Milano3

È finale! Lumezzane vince anche gara-2 della serie con Milano3, espugna il Palabasiglio e conquista l’accesso alla finalissima. Dopo le difficoltà della prima partita, i valgobbini riescono a scrollarsi di dosso la tensione e sfoderano una prestazione a tutto tondo, garantendosi l’accesso all’ultimo atto: sabato 26 a Chiari la sfida con Saranno che metterà in palio un posto in Serie B. Fabio Saputo e i suoi giocano bene, e nonostante le percentuali dalla lunga distanza (soprattutto nella fase centrale della gara) non siano elevatissime, quando aumentano il ritmo non danno scampo agli avversari. Gamazo è sempre monstre all’interno del pitturato (doppia doppia da 32 punti con oltre il 70% dal campo e 13 rimbalzi) e trascina i suoi alla vittoria, aiutato da una buona prova difensiva di squadra. La Virtus parte forte, ma Milano dopo le prime azioni si sveglia e recupera subito lo svantaggio (5-6). Lumezzane tiene un ritmo altissimo e prova a scappare di nuovo, con il coach dei padroni di casa obbligato a chiamare timeout (9-16). Dopo l’interruzione i valgobbini sembrano avere perso un po’ di concentrazione, ma riescono comunque a chiudere i primi 10’ avanti. Nel secondo quarto gli attacchi si inceppano dopo un primo periodo davvero scoppiettante: le percentuali calano vertiginosamente. Questo permette ai padroni di casa di rosicchiare qualche punto, nonostante la poca precisione (24-28 a metà quarto). È come sempre Gamazo, dalla lunga distanza, a sbloccare l’attacco dei valgobbini, che ricominciano a macinare gioco e sfondano il muro della doppia cifra di vantaggio all’intervallo. All’inizio del secondo tempo il ritmo cala. A risentirne è lo score, che si mantiene basso nel corso del terzo periodo. Ma nonostante le difficoltà offensive, Lumezzane è molto brava ad aumentare l’aggressività difensiva, impedendo così ai milanesi di riavvicinarsi. Però non appena l’attacco si riaccende non c’è storia: la Virtus in un men che non si dica cerca di assestare la spallata decisiva alla partita. Saputo e i suoi toccano anche il +18, prima che una tripla impossibile di Tandoi sulla sirena del periodo provi a mantenere accese le speranze dei milanesi. Milano all’inizio degli ultimi 10’ tenta comunque di rientrare, con un 5-0 nelle prime azioni (8-0 se si conta la fine del terzo periodo), ma la Virtus non si scompone e regge l’urto dei padroni di casa: Mastrangelo con una tripla rimette 15 lunghezze fra le squadre e assesta il colpo del definitivo ko agli avversari, che non hanno più la forza per rientrare. Ora Lumezzane è attesa dalla finalissima di sabato 26 a Chiari, in gara secca. Ad sfidare i valgobbini per la Serie B ci sarà la Robur Saronno, che ha liquidato il Romano Lombardo. L’ultimo passo per coronare il sogno.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ettore Vattaioni

Suggerimenti