Tifo indiavolato a ogni angolo di un percorso indimenticabile

Il podio maschile. Dominio keniano, con la vittoria di Philemon Kiriago e il secondo posto di Miceal Saoli. Sul terzo gradino del podio l’inglese Chris Richards, bravo a rientrare nel finale.Applausi per Luca Merli. Nel vivo della corsa fin dall’inizio, in scia alla coppia keniana, ma costretto poi ad accontentarsi del quinto posto: il valsabbino di Ponte Caffaro ha lasciato il segno.Il podio femminile. Non c’è partita contro Andrea Mayr, già vincitrice sabato del «Vertical»:  l’austriaca concede il bis davanti a un’ottima Sara Bottarelli. Terzo posto per Arianna Dentis.Straordinaria Sara Bottarelli.  È l’unica a provare a resistere al dominio assoluto della Mayr. Rientrata dopo il Covid, si prende un secondo posto che vale tantissimo in prospettiva futura.
Il podio maschile. Dominio keniano, con la vittoria di Philemon Kiriago e il secondo posto di Miceal Saoli. Sul terzo gradino del podio l’inglese Chris Richards, bravo a rientrare nel finale.Applausi per Luca Merli. Nel vivo della corsa fin dall’inizio, in scia alla coppia keniana, ma costretto poi ad accontentarsi del quinto posto: il valsabbino di Ponte Caffaro ha lasciato il segno.Il podio femminile. Non c’è partita contro Andrea Mayr, già vincitrice sabato del «Vertical»: l’austriaca concede il bis davanti a un’ottima Sara Bottarelli. Terzo posto per Arianna Dentis.Straordinaria Sara Bottarelli. È l’unica a provare a resistere al dominio assoluto della Mayr. Rientrata dopo il Covid, si prende un secondo posto che vale tantissimo in prospettiva futura.
Il podio maschile. Dominio keniano, con la vittoria di Philemon Kiriago e il secondo posto di Miceal Saoli. Sul terzo gradino del podio l’inglese Chris Richards, bravo a rientrare nel finale.Applausi per Luca Merli. Nel vivo della corsa fin dall’inizio, in scia alla coppia keniana, ma costretto poi ad accontentarsi del quinto posto: il valsabbino di Ponte Caffaro ha lasciato il segno.Il podio femminile. Non c’è partita contro Andrea Mayr, già vincitrice sabato del «Vertical»:  l’austriaca concede il bis davanti a un’ottima Sara Bottarelli. Terzo posto per Arianna Dentis.Straordinaria Sara Bottarelli.  È l’unica a provare a resistere al dominio assoluto della Mayr. Rientrata dopo il Covid, si prende un secondo posto che vale tantissimo in prospettiva futura.
Il podio maschile. Dominio keniano, con la vittoria di Philemon Kiriago e il secondo posto di Miceal Saoli. Sul terzo gradino del podio l’inglese Chris Richards, bravo a rientrare nel finale.Applausi per Luca Merli. Nel vivo della corsa fin dall’inizio, in scia alla coppia keniana, ma costretto poi ad accontentarsi del quinto posto: il valsabbino di Ponte Caffaro ha lasciato il segno.Il podio femminile. Non c’è partita contro Andrea Mayr, già vincitrice sabato del «Vertical»: l’austriaca concede il bis davanti a un’ottima Sara Bottarelli. Terzo posto per Arianna Dentis.Straordinaria Sara Bottarelli. È l’unica a provare a resistere al dominio assoluto della Mayr. Rientrata dopo il Covid, si prende un secondo posto che vale tantissimo in prospettiva futura.

La domenica di Malonno non ha deluso le attese. Il «Fletta Trail», il clou della due giorni camuna, ha regalato il consueto spaccato di sport e di passione. Tantissimi i tifosi che hanno seguito gli atleti lungo il percorso, accompagnando le gesta dei campioni che si sono imposti nel maschile e nel femminile. Il keniano Kiriago e l’austriaca Mayr hanno imposto la loro legge, ma Brescia non ha sfigurato al cospetto degli imbattibili.