Ci sono ancora vai problemi da risolvere

di Carlo Terrini

Gentile direttore, a breve avremo un nuovo Governo. Ora pian piano speriamo di realizzare almeno in parte i nostri progetti per il nostro bel Paese! Apro un capitolo delicato sulla Sanità. Sono amico di molti medici di famiglia e ospedalieri. Ci sono molte perplessità sulla conduzione della sanità a livello nazionale che devono assolutamente emergere, inascoltate fino ad oggi. Ci vorrebbe una commissione di studio dedicata, con voci che non emergono quasi mai su vari temi: 1) il problema del basso numero di operatori (e stipendi non eccelsi) per errori nazionali; 2) un carico burocratico eccessivo (che andrebbe svolto non dai medici e dagli infermieri, ma da impiegati dedicati, che lavorano al loro fianco); 3) malfunzionamento dei centri di prenotazione (e questo crea fuga nel privato); 4) i conti post-covid: cattiva gestione da parte degli Ordini, su imposizione del ministro Speranza, con impedimento ai medici della libertà di cura in vari casi se non inquisizione vaccinale inutile da fine 2021 in poi! Quando il Covid-19 si è depotenziato; 5) inchiesta sul ministero della Salute sul ritardo di uso dei monoclonali fine 2020!! Dobbiamo essere sinceri? Anche gli assessori regionali non hanno brillato in dialogo con gli operatori... ma chissà se si potrà mai parlarne... Carlo Terrini