CHIUDI
CHIUDI

21.03.2020 Tags: Calcinato

Si è spento il sopravvissuto a Cefalonia

Angelo Scalvini
Angelo Scalvini

All’età di 96 anni ieri mattina alla Casa di Riposo di via Salvo d’Acquisto 5 è spirata una figura leggendaria per Calcinato, Angelo Giorgio Scalvini, da tutti conosciuto come Gino, uno degli ultimi sopravvissuti all’eccidio nazista della Divisione Acqui a Cefalonia, una epopea che nel 2003 aveva condensato con accenti commoventi nella pubblicazione del suo diario «Prigioniero a Cefalonia» (uscito per i tipi di Mursia editore), volume tuttora apprezzatissimo da critica e pubblico. Militare del regio esercito, Scalvini fu assegnato alla Acqui il 13 gennaio 1943: l'8 settembre aveva vent'anni e si trovava con i suoi commilitoni a Itaca. Il 9 a Samo partecipò alla storica «consultazione referendaria», pronunciandosi con i commilitoni per la resistenza agli ormai ex alleati tedeschi. La repressione fu durissima e costò ai nostri quasi 1.500 morti in battaglia, 5.000 giustiziati, 3.000 prigionieri destinati poi a scomparire negli abissi marini a bordo delle navi tedesche che urtarono nelle mine disseminate un po' ovunque. In totale i soldati morti furono 9.406. Scalvini trascorse la notte successiva al massacro nascosto su un albero a pochi metri dal mare. In seguito saltò con altri militari su una scialuppa di salvataggio, affrontando poi disavventure infinite. Catturato dai tedeschi, fu caricato su un treno insieme ad altre centinaia di prigionieri: destinazione prima Barauka, in Bielorussia, poi Riga, poi Danzica. Infine il ritorno a casa, su mezzi di fortuna. A Calcinato giunse, stremato nel fisico e con la morte nel cuore, il 10 settembre 1945. Ma più forte delle strazianti immagini che aveva negli occhi fu la voglia di ricominciare, l'indistruttibile attaccamento alla vita, che per il reduce significherà una famiglia e un lavoro ai quali ha dedicato i lunghi e gioiosi anni dalla ricostruzione ad oggi. Per decenni, finché la salute glielo ha consentito, Scalvini ha partecipato da protagonista a tutte le commemorazioni di quella tragedia che segnò l’inizio della resistenza al nazifascismo. Infaticabile la sua opera di testimonianza nelle scuole di tutta Italia a perenne monito nei confronti delle nuove generazioni. La salma si trova all’obitorio della Casa di Riposo di Calcinato, vegliata dal figlio Stefano con Teodora e dal cognato Adelio con Claudia. Nel rispetto dell'ordinanza governativa per contenere il coronavirus, la benedizione si terrà in forma strettamente privata lunedì 23 marzo alle ore 10.30 al cimitero di Calcinato, dove Angelo Scalvini verrà poi sepolto. •

F.MAR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1