FEDERALBERGHI

«Green pass, linea dura? Speriamo di no Ora serve chiarezza»

Fantini: «Bisogna proseguire con le vaccinazioni, è la strada principale C'è confusione e incertezza, scelte estreme siano supportate dai dati»
Il certificato  europeo di avvenuta vaccinazione
Il certificato europeo di avvenuta vaccinazione
Il certificato  europeo di avvenuta vaccinazione
Il certificato europeo di avvenuta vaccinazione

È il «green pass» il vero tormentone di questa estate 2021, l'argomento che agita i sonni della politica (nella speranza che non generino mostri), che anima il dibattito dei cittadini e che solleva preoccupazioni tra chi, dopo tanti apri e chiudi, è avviato sulla ripida strada della ripresa. Tra oggi e domani il Consiglio dei ministri dovrebbe approvare il decreto con i nuovi parametri del monitoraggio con cui si stabiliscono i colori delle Regioni e le indicazioni sull’utilizzo del «green pass». Nel frattempo il Vecchio Continente, «unito» dal certificato verde, si divide sulla gestione della pandemia: chi ha un'impennata di contagi – vedi il Regno Unito – riapre tutto e chi ne ha meno agita lo spettro di un nuovo lockdown e delle zone rosse a settembre. In piena estate il turista freme, dovendo programmare le proprie vacanze. Dall’altra parte gli albergatori, che battute d’arresto in questo periodo dell’anno non le vorrebbero proprio. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Paola Buizza

Suggerimenti