CHIUDI
CHIUDI

18.10.2020

La barca affonda, li salva Valdo

L’allenatore Enzo Valdo
L’allenatore Enzo Valdo

Nel posto giusto, al momento giusto: quando la barca si è ribaltata e 4 persone sono finite in acqua, era proprio lì vicino e li ha salvati il pescatore dilettante Enzo Valdo, 60 anni di Castiglione ma volto celebre dello sport bresciano, in quanto è stato a più riprese allenatore della Gabeca Montichiari dalle giovanili alla prima squadra in serie A1 tra gli anni ’90 e la metà degli anni 2000. Quella sera Valdo si trovava a largo della Baia del Vento, di fronte a San Felice, e ha assistito alla scena della barca che colava a picco, quindi si è precipitato a salvare le quattro persone a bordo. Tutto è successo qualche giorno fa, tra San Felice e il golfo di Salò: a ribaltarsi un motoscafo Frauscher, una delle marche nautiche più prestigiose. «Ho visto arrivare una barca molto veloce – racconta Valdo – e che faceva qualche manovra, ma non ci ho badato. Tempo di voltare lo sguardo e ho visto che si era ribaltata. In acqua c’erano quattro persone in difficoltà: non ci ho pensato due volte e ho acceso il motore». Con la sua barca da pesca da 5 metri, dotata di un motore da 40 cv, Enzo Valdo ha raggiunto rapidamente il luogo dell’incidente nautico, e ha caricato uno ad uno i quattro naufraghi: tre ragazzi giovani e un uomo di mezza età. «Li ho caricati a bordo, e poi abbiamo raccolto il materiale che era finito in acqua: qualche cuscino, documenti e altro - continua Valdo – poi la loro barca ha cominciato a inabissarsi, abbiamo pensato di agganciarla con una cima, ma non è stato possibile». La buona notizia è che i quattro sono sani e salvi: spaventati e infreddoliti, ma hanno portato a casa la pelle. «Pochi minuti dopo è arrivato un taxi boat, non so se l’hanno chiamato loro o se passava per caso – dice ancora Valdo –: mi hanno ringraziato e poi sono andati via». Niente da fare per la costosissima Frauscher: il natante si è inabissato a largo della Baia, tra i 40 e i 45 metri di profondità (come confermato dall’ecoscandaglio di Valdo). «Ho fissato il punto con il Gps, così che sapessero dove trovarla»: e così è stato, perché pare che il motoscafo sia già stato recuperato. «Non mi sento un eroe – chiosa Valdo -: ero al posto giusto, nel momento giusto». •

Alessandro Gatta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1