MAZZANO

Incursione nel cantiere. Per la Tav non c’è pace

I vandali hanno danneggiato del materiale a martellate e sassate Le indagini sul panettone di cemento lungo i binari urtato da un treno
Le ruspe al lavoro per la realizzazione della linea dell’alta velocità ferroviaria tra Mazzano e Calcinato
Le ruspe al lavoro per la realizzazione della linea dell’alta velocità ferroviaria tra Mazzano e Calcinato

Treno veloce nel mirino di vandali piuttosto decisi che ancora non hanno un nome. Dopo il treno che l'altro giorno ha urtato un «panettone» di cemento collocato a fianco dei binari della linea storica Brescia-Verona, si scopre che di recente il cantiere di Mazzano è stato oggetto di una incursione che ha danneggiato a colpi di martello e sassate alcune strutture. Si tratterebbe insomma dell'ennesimo atto vandalico compiuto ai danni dell'Alta velocità. I vandali sono entrati nella zona operativa dove hanno prima spaccato delle cassette di legno che contenevano del materiale, poi provocato altri danni e infine se ne sono andati senza al momento aver lasciato tracce che possano individuarli. Ad accorgersi del raid vandalico sono stati gli stessi operai che di prima mattina sono arrivati al lavoro e hanno dovuto fare i conti con i danneggiamenti. Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere, negli ultimi mesi sono stati compiuti alcuni raid vandalici tra i cantieri dell'alta velocità tra Calcinato e Mazzano. In una occasione l'incursione aveva dato fuoco ad alcune ruspe nel cantiere. A proposito del panettone di cemento posizionato ai bordi del binari nel territorio di Mazzano, in prossimità del cantiere Tav, nella tarda serata di martedì, è probabile che si tratto di un atto sconsiderato, anche se non è da escludere un collegamento con gli episodi precedenti. Di certo quel panettone di cemento era fuori luoogo, qualcuno l'ha portato lì. Fortunatamente la prontezza di riflessi del macchinista ha evitato il peggio (non ci sono stati feriti) riuscendo a rallentare la corsa della motrice e urtare il blocco di cemento senza gravi danni ne rischi per l'incolumità dei passeggeri. Il treno regionale, partito da Verona e diretto a Milano, è rimasto fermo per circa mezz'ora nella stazione di Rezzato per valutare i danni e poi ripartire verso Brescia.. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Valerio Morabito

Suggerimenti