CHIUDI
CHIUDI

17.07.2019

Il Silter alla conquista dei mercati

Il Silter si fregia della Dop dal settembre 2015Il Silter apre le malghe alle visite di chi vuol conoscere il formaggio
Il Silter si fregia della Dop dal settembre 2015Il Silter apre le malghe alle visite di chi vuol conoscere il formaggio

Nel crescente panorama enogastronomico grazie ai prodotti caseari da un canto ed al miglioramento della qualità dei vini dall’altro, il territorio camuno si sta facendo conoscere maggiormente, anche se con fatica. La Valle Camonica, la «Valle dei Segni» potenzialmente non dispone di un brand forte da lanciare a livello nazionale e sul territorio si conta su un formaggio a pasta dura prodotto con latte crudo di bovine di razza Bruna al pascolo, il «Silter» che ha ottenuto la Dop (Denominazione d’origine protetta) dalla Commissione europea nel settembre 2015 dopo un lunghissimo iter e che è «tutelato» dall’apposito Consorzio presieduto da Andrea Bezzi, uno fra i principali produttori e diretto da un esperto agronomo qual è Oliviero Sisti. Al Consorzio fanno riferimento poco più di una ventina di associati della Valle Camonica e dell’Alto Sebino che nel breve arco di un triennio hanno saputo migliorare il loro formaggio, tenendo conto che la produzione è ancora limitata. Nel 2016 dalle malghe sono uscite 3000 forme e 10.000 nel 2017, un trend confortante e che potrebbe segnare ulteriori positività alla fine del corrente anno. Oliviero Sisti sostiene che «è ora e tempo d’uscire dai ristretti confini zonali e provinciali per operare il classico salto di qualità e magari anche di quantità perché il Silter camuno ha raggiunto in tre anni un buonissimo livello al gusto». PROPRIO per far conoscere ulteriormente e definitivamente questo prodotto degli alpeggi, il Consorzio propone per l’intera estate «Malghe aperte Silter Dop», serie di appuntamenti che spiega Sisti, «vedono il personale d’alpe disponibile ad accogliere adulti e bambini che vogliono assistere alla caseificazione e vedere come vengono condotte le vacche al pascolo, come vengono munte, come viene trasformato il latte in formaggio Silter Dop , che verrà poi degustato in abbinamento ad altri prodotti del territorio». Sono ben 15 dallo scorso giugno a settembre le opportunità di salire in malga da Ponte di Legno a Zone, da Pisogne a Monno per osservare da vicino la vita del malgaro, per passeggiare in quota e degustare questo eccellente formaggio. •

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1