giovedì, 19 settembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

23.04.2019

Vandali se la
prendono con
la Madonnina

La Madonnina vandalizzata
La Madonnina vandalizzata

È stata una Pasqua segnata anche dall’idiozia quella di Montichiari. Non si era ancora spenta l’eco dei giochi per bambini bruciati nel parco Baden Powell che la città ha dovuto fare i conti con un altro episodio; stavolta ambientato, tra sabato e domenica, nel giardino pubblico del quartiere Marcolini. Lo sconosciuto o gli sconosciuti se la sono presa con una immagine sacra. Se con il rogo dei giochi dei bambini del Baden Powell si è toccato il fondo, stavolta è stato riaperto il filone religioso, e l’occasione l’ha offerta la statua della Madonna in una nicchia dell’area verde. I teppisti hanno preso di mira gli arredi della nicchia e hanno staccato la statua dal supporto lasciandola in bilico nel suo contenitore. La cosa ha lasciato l’amaro in bocca ai residenti in quella parte di Montichiari, già portavoce in più di una occasione negli ultimi anni di quello che definiscono stato di abbandono della piccola area verde. Qui sono presenti anche giochi per i bambini, ma nelle ore serali la frequentazione cambia con l’arrivo di giovani e meno giovani che bevono alcolici fino a tardi lasciando decine di bottiglie vuote sul verde. Intanto proseguono le polemiche dopo l’assalto nel Baden Powell: il Codacons ha presentato un esposto contro il Comune ricordando che «le azioni dei vandali hanno provocato gravi danni alla collettività, e il falò ha pure determinato un rischio per la salute pubblica. Montichiari è stata spesso teatro di atti nocivi per la sicurezza e la salute che richiederebbero un maggior controllo da parte del Comune che, a quanto pare, non c’è stato». La replica del sindaco Mario Fraccaro? «Ritengo utile precisare che il Codacons rappresenta i cittadini, in qualche modo anche quelli a cui manca un minimo di senso di civismo e di appartenenza alla comunità».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Cultura