CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2017

Web reputation,
il Garda promosso
con lode

Sirmione con la Rocca Scaligera, le Terme e le Grotte di Catullo si conferma la capitale del Garda
Sirmione con la Rocca Scaligera, le Terme e le Grotte di Catullo si conferma la capitale del Garda

Prima di scegliere una meta e di prenotare una vacanza il turista in genere consulta internet. Per questioni pratiche, certo, ma anche alla ricerca di informazioni sul territorio che si appresta a visitare. «Il 90 per cento dei viaggiatori si rivolge al web e sbircia le recensioni - ha spiegato Simona Franzoni, dell’Università degli Studi di Brescia, durante l’incontro svoltosi ieri in municipio a Salò, alla presenza di albergatori e operatori - Legge i giudizi sulle risorse storico-culturali, su paesaggi e natura, su sport e benessere, shopping e artigianato, enogastronomia, servizi. E sceglie il luogo in cui trascorrere le vacanze. Poi cerca un albergo, un bed & breakfast, un residence».

«PER IL GARDA bresciano abbiamo analizzato 9.110 recensioni, comparse su Tipadvisor nell’arco di due anni e mezzo, dal 1 gennaio 2014 al 15 giugno 2016 - ha aggiunto Michelle Bonera, anche lei ricercatrice - Ebbene, su 130 attrazioni di cui si parla, le prime 10 sono: le Terme di Sirmione, la meravigliosa Rocca Scaligera, le Grotte di Catullo, il Vittoriale di Gardone Riviera (con percentuali tra il 12,84% e il 12,04%). Seguono, nell’ordine, e molto più staccate, la torre di San Martino della Battaglia (3,48%), la strada della Forra a Tremosine, il lago in generale, il giardino botanico Heller a Gardone Riviera, la limonaia del Castel a Limone, la spiaggia Giamaica a Sirmione, cittadina che emerge con un brand molto forte».

I GIUDIZI sono lusinghieri: eccellente nel 55% del totale, molto buono 33%, nella media per l’8%, scarso o pessimo 4%. Ma chi scrive sul web? Coppie, nel 55% dei casi; famiglie nel 22%; amici 18%; persone sole 4%; gente d’affari 1 per cento. Il 67% sono italiani o, almeno, si esprimono in tale lingua, il 17,5% inglesi, il 5,5 tedeschi, il 3,7 russi (stupisce che esista una differenza così minima tra questi due popoli, considerando che dalla Germania scendono ogni anno a frotte), e gli altri più frazionati.

Non sono state prese in considerazione le 56 mila recensioni riguardanti le 556 attività ricettive e le 107 mila su 830 ristoranti.

Gli italiani esprimono entusiasmo soprattutto per Sirmione che, senza ombra di dubbio, è la meta turistica più visibile e gradita. Il lago è rappresentato come un contenitore di bellezze.

L’altro elemento di attrazione è il Vittoriale, che risulta come un’entità a se stante, non collegata con Gardone. I temi negativi riguardano i prezzi e alcuni aspetti organizzativi.

Per gli inglesi prevalgono i concetti di vista, passeggiata, bello, spettacolare e la dimensione romanica. Sirmione precede Limone, assenti le altre località. I motivi di insoddisfazione sono piuttosto generici. I tedeschi confermano la bellezza ambientale del Gardasee, e si lamentano della mancanza di informazioni nella loro lingua all’interno dei musei.

«LA RICERCA non finisce qua. Nei prossimi mesi saranno affrontati altri temi. Vogliamo che gli operatori abbiano gli strumenti per effettuare scelte ponderate, e comunicare al meglio», hanno concluso Eleonora Rigotti (presidente) e Massimo Ghidelli (direttore) di Bresciatourism.

In apertura il direttore del Consorzio Garda Lombardia, Marco Girardi, ha annunciato il trasferimento della sede da Gargnano a Gardone Riviera entro Pasqua, in alcuni locali dell’ex Casinò. Inoltre dal 1 marzo il Consorzio gestirà il sito della Comunità www.lagodigarda.it, che vanta un milione di visitatori. Uno strumento prezioso alla luce di una ricerca che conferma un dato di fatto: senza investire nel web e nella comunicazione è difficile essere competitivi.

Sergio Zanca
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1