La Medusa di Scarpella «canta» nel palazzo che fu di Einaudi

Livio Scarpella, lo scultore che ha creato la testa di MedusaGiacomo Bergomi  realizzò la testa del violoncello per BrunelloSollima e Brunello: a Bologna un poker di strumenti di FasserAl castello di Perno nelle Langhe  il debutto  del violoncello
Livio Scarpella, lo scultore che ha creato la testa di MedusaGiacomo Bergomi realizzò la testa del violoncello per BrunelloSollima e Brunello: a Bologna un poker di strumenti di FasserAl castello di Perno nelle Langhe il debutto del violoncello
Livio Scarpella, lo scultore che ha creato la testa di MedusaGiacomo Bergomi  realizzò la testa del violoncello per BrunelloSollima e Brunello: a Bologna un poker di strumenti di FasserAl castello di Perno nelle Langhe  il debutto  del violoncello
Livio Scarpella, lo scultore che ha creato la testa di MedusaGiacomo Bergomi realizzò la testa del violoncello per BrunelloSollima e Brunello: a Bologna un poker di strumenti di FasserAl castello di Perno nelle Langhe il debutto del violoncello

Cornice della presentazione è il castello di Perno a Monforte d’Alba, in Piemonte: noto per essere stato una delle sedi della casa editrice Einaudi che qui ospitò alcuni scrittori a fine anni ’70 (tra loro Primo Levi). Un edificio immerso nelle paesaggio mosso delle Langhe, ora accese dai colori dell’autunno. Il palazzo che sovrasta le mura del borgo dal 2012 è proprietà del docente di diritto e senatore bresciano Gregorio Gitti. Di recente il castello ha ospitato la mostra «Naturae semper» di Piero Gilardi e pare che in futuro queste stanze riserveranno altre sorprese in campo artistico, musicale e letterario.