Il Superbonus... in pillole

Che cos'è il Superbonus?
Una detrazione fiscale dall'imposta lorda del 110% legata a determinati lavori per accrescere l'efficienza energetica degli edifici e per la riduzione dei rischi sismici.   

 

A chi spetta?  
L'Agenzia delle Entrate individua i seguenti soggetti:

  • condomìni;
  • persone fisiche che possiedono l'immobile oggetto dei lavori oppure che lo detengono in base ad un contratto di locazione o comodato;
  • Onlus e associazioni di volontariato;
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o determinate società "in house providing";
  • Cooperative di abitazione a proprietà indivisa;
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche (immobili e spogliatoi).  

 

Quali sono le scadenze?  
L'aliquota di detrazione pari al 110% si applica alle spese sostenute entro il 30 giugno 2022. La scadenza viene prorogata al 31 dicembre 2022 per le strutture che hanno terminato il 60% degli interventi entro il 30 giugno dello stesso anno. L'agevolazione interessa gli IACP fino al 31 dicembre 2022.  

 

Entro quando si può recuperare l'agevolazione?  
L'agevolazione può essere recuperata in 5 rate annuali di pari importo. La parte della spesa sostenuta nel 2022 viene ripartita in 4 quote.  

 

Quali sono gli interventi che danno diritto al Superbonus?  
I lavori che danno diritto al Superbonus sono di due tipi:

  • principali o trainanti: danno accesso all'agevolazione senza la necessità di svolgere altri interventi;
  • aggiuntivi o trainati: danno diritto alla detrazione solo se eseguiti congiuntamente con almeno uno degli interventi principali.  

 

Quali sono gli interventi trainanti?  

  • opere per isolare termicamente gli involucri;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti;
  • interventi antisismici.  

 

Quali sono gli interventi trainati?  

  • opere per accrescere l'efficienza energetica;
  • installazione di impianti solari fotovoltaici;
  • infrastrutture per la ricarica dei mezzi elettrici;
  • lavori finalizzati all'eliminazione delle barriere architettoniche realizzati per portatori di handicap e over 65.   

 

Ci sono alternative alla detrazione diretta?  
Si può optare per:

  • lo sconto in fattura applicato alle imprese;
  • la cessione del credito a fornitori di beni e servizi;
  • banche e intermediari finanziari; altri soggetti.  

 

 

Per ulteriori informazioni, fare riferimento al portale dell'Agenzia delle Entrate.